CASTELLANA GROTTE – Vittoria in rimonta e salvezza conquistata per la M&G Videx Grottazzolina, che conclude al meglio una giornata iniziata col freno a mano tirato. Ancora una volta la squadra di coach Ortenzi ha dimostrato di avere grinta e carattere, riuscendo a riemergere dopo due set persi malamente contro una squadra, Castellana Grotte, che poco aveva da chiedere al match contro i grottesi, se non in termini di fiducia e morale per la seconda fase. Per la M&G Videx, invece, si trattava di un match da non sottovalutare, vista la posta in palio in questa domenica pugliese.

Per la “sfida delle grotte”, coach Ortenzi manda in campo per la prima volta nel girone di ritorno tutta la formazione titolare: la diagonale palleggiatore-opposto è formata da Cecato e Morelli, in banda Richards e Vecchi, al centro Fiori e il rientrante Salgado, liberi il duo Calistri – Jacopo Brandi. I padroni di casa rispondono con Marsili in regia opposto a Gradi, schiacciatori Fiore e Lavia, centrali Patriarca (al ritorno nel suo ruolo naturale dopo lo stop per infortunio) e Gargiulo, libero Battista.

In avvio di match, l’equilibrio si spezza presto e il primo break è in favore di Castellana Grotte, che col muro di Gradi su Vecchi si porta subito avanti 7-4. L’allungo arriva grazie all’ottimo turno al servizio di Lavia, che consente ai padroni di casa di volare a +6 (14-8). E’ sempre Lavia a rendersi protagonista, sbarrando la strada a Morelli per il 21-13, quindi Gradi mette l’ipoteca definitiva sul set con l’ace del 22-13. La Videx sembra non essere entrata in partita, mentre Castellana sbaglia poco e si mantiene lucida e concentrata, e può così chiudere senza difficoltà 25-15.

Il secondo parziale si apre con due muri consecutivi dei grottesi (Richards prima, Salgado poi) e l’ace di capitan Fiori, che consente alla Videx di portarsi sull’1-4. Lavia al servizio continua però ad essere decisivo e Castellana ritrova subito la parità (4-4). Si procede a colpi di minibreak, con Castellana che prova per tre volte a fuggire (portandosi anche a +3) e la Videx lesta a riprenderla a quota 7, 13 e 15. Tocca quindi a Salgado e compagni conquistare il +2 (16-18), propiziato da due attacchi out della formazione pugliese, il +3 arriva invece su invasione aerea sempre dei padroni di casa. Fiore riporta i suoi a contatto con il diagonale vincente che vale il 22-23, Morelli risponde firmando la palla del set point (22-24). Castellana li annulla entrambi, poi è Gargiulo show: il centrale prima chiude lo scambio più lungo del match, poi mura Salgado e fissa il punteggio sul 26-24.

Buon turno al servizio di Salgado in apertura di terzo set, e la Videx può andare avanti 1-6. La Materdomini accorcia le distanze, ma Salgado non ci sta e ristabilisce il distacco col muro del 7-12. I grottesi sembrano essere finalmente entrati in partita e si limitano a controllare il vantaggio nella fase centrale del set, volando a +7 (13-20) con il tap-in di Richards a chiudere il mezzo ace di Morelli. Patriarca a muro tiene a galla i suoi (18-23), Lavia trova il break dai 9 metri e Castellana può tornare a -4. Nel finale succede l’impensabile: la Videx va al set point sul 20-24, i locali con Patriarca al servizio riescono ad annullarli tutti e quattro e a portare il parziale ai vantaggi. Qui però sono i grottesi a prevalere, con Morelli che firma il 24-26 e riapre i giochi.

Il quarto parziale si apre sulla falsariga del precedente, con la Videx che spezza l’equilibrio e si porta a condurre 4-9 (Morelli a muro). Coach Castellano effettua un cambio in regia sostituendo Marsili con Manginelli, ma la situazione non cambia, le due squadre lavorano bene nel cambio palla e il punteggio resta pressoché invariato fino al 13-20 Videx, realizzato da Richards su servizio float. Il muro di Morelli su Fiore vale il 18-24, i padroni di casa tentano il tutto per tutto ma Patriarca sbaglia il servizio e la Videx può chiudere 21-25 e portare la contesa al tie-break.

Nel tie-break è ancora la Videx a staccarsi per prima nel punteggio (4-7), grazie a qualche errore di troppo nella metà campo della Materdomini. Dopo il time-out Fiori mura Gargiulo e manda tutti al cambio campo sul punteggio di 4-8. L’allungo è tutta opera di Morelli, che dopo l’attacco vincente del 6-10 trova il muro che vale il +5 (6-11). Due errori consecutivi dei pugliesi mandano la Videx al match point: a chiudere è Richards, che piazza il muro vincente su Patriarca: 6-15 Videx e 2 punti in più in cantiere.

Esultanza sobria e controllata per i grottesi, troppo presi a seguire il match delle 18 al PalaParenti di Santa Croce, tra i padroni di casa della Kemas Lamipel e la Sigma Aversa, che prima del turno odierno si trovava a soli 2 punti di distacco dai grottesi. L’esultanza arriva direttamente dal pullman, durante il viaggio di ritorno: il 3-0 di Santa Croce consegna alla Videx la matematica certezza della Pool A, e con essa la salvezza immediata.

TABELLINO

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE – M&G VIDEX GROTTAZZOLINA: 2-3 (25-15, 26-24, 24-26, 21-25, 6-15)

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE: Gargiulo 11, Gradi 14, Lavia 15, Patriarca 17, Marsili 7, Fiore 18, Battista (L) 59%, Manginelli 1, Saibene, Di Carlo, Chadtchyn. N.e.: Pilotto. All1 Castellano – All2 Castiglia

M&G VIDEX GROTTAZZOLINA: Vecchi 8, Fiori 9, Morelli 23, Richards 18, Salgado 9, Cecato, Calistri (L1) 43%, Brandi J. (L2), Minnoni. N.e.: De Fabritiis, Gaspari, Brandi N., Pison, Romagnoli. All1: Ortenzi – All2: Cruciani

Arbitri: Colucci – De Sensi

Note: Castellana Grotte bs 18, ace 7, muri 17, ricezione 56% (prf 39%), attacco 43%, errori 39. Videx bs 11, ace 5, muri 13, ricezione 49% (prf 33%), attacco 44%, errori 19.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 72 volte, 1 oggi)