OFFIDA – Sono stati completati questa settimana i lavori di messa in sicurezza del viadotto della S.P. n. 173 “Circonvallazione di Offida”, che collega diverse zone collinari dell’entroterra con la presenza di numerose attività agricole e produttive. L’intervento, che ha riguardato il tratto dal Km. 1+500 al Km. 1+700 per un importo complessivo di 535 mila euro di cui 15 mila euro di oneri e sicurezza, rientra nel cospicuo pacchetto delle attività di ripristino delle infrastrutture danneggiate dal sisma nell’ambito del primo Stralcio del Piano Anas – Provincia di 44 milioni di euro.

Dopo il via libera fornito in tempi rapidi dalla Conferenza dei Servizi per quanto riguarda gli aspetti burocratici ed autorizzativi dell’iter, i lavori sono stati consegnati il 25 ottobre scorso e, entro i tempi contrattuali del 21 febbraio, verranno effettuati gli ultimi piccoli interventi. Le attività di sistemazione, dopo le operazioni di rimozione del materiale dalla carreggiata, sono state rappresentate dal ripristino del corpo stradale danneggiato insistente sul tratto interessato. In particolare, è stata posta in essere una paratia di pali a protezione della spalla del viadotto e sono state realizzate opere di drenaggio e regimentazione idraulica. I lavori effettuati hanno permesso la completa riapertura in entrambi i sensi dell’arteria consentendo di eliminare la necessità del senso unico alternato che era stato disposto prima dei lavori di ripristino.

A breve partiranno altri lavori previsti nel piano di interventi Anas – Provincia che vede attualmente in funzione diversi cantieri nelle zone più sensibili del cratere sismico.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 129 volte, 1 oggi)