ACQUASANTA TERME – Accompagnare i turisti e gli escursionisti alla scoperta dei sentieri del parco nazionale dei monti Sibillini, tra panorami mozzafiato e pareti che guardano il mare, per tornare a vivere vette e vallate, per conoscere la storia delle nostre montagne, che è anche la nostra storia, a contatto con una natura a tratti incontaminata che ora, più che mai, ha bisogno di tornare a dialogare con gli uomini.

“Da un terremoto non si può rinascere. Si può nascere o morire” aveva detto il vescovo di Ascoli, Mons. Giovanni D’Ercole, nei giorni successivi al sisma che un anno fa ha stravolto vite e paesaggi dell’Appennino centrale. E gli stessi paesaggi che vediamo e che ci stupiscono per la loro bellezza, era stato sottolineato, sono dovuti alla sequenza dei terremoti.

Prende spunto da questi messaggi e dalla necessità di riscrivere il futuro, partendo da basi diverse, il corso per guida naturalistica, gratuito per tutti i residenti nei comuni del cratere, promosso dal Laboratorio della Speranza, l’associazione presente anche ad Acquasanta, diretta da don Paolo Sabatini e nata con l’intento di ripartire dal territorio e dal lavoro per ricostruire economia e tessuto sociale delle zone colpite dal sisma.

Geologia delle Marche, botanica, zoologia, geografia turistica, narrazione del territorio, sentieristica, posizionamento satellitare e organizzazione di percorsi naturalistici sono alcune delle materie previste nel programma di studi che prenderà il via nelle prossime settimane. Iscrizioni aperte e gratuite per tutte le persone residenti nei comuni dei crateri. Possibilità di partecipare alle lezioni anche per i non residenti, con il versamento di un contributo.

Il corso si avvale della collaborazione di docenti e tutor specializzati dell’agenzia di formazione Wega che, oltre ad avere le competenze e le conoscenze necessarie per l’insegnamento delle materie richieste, si occupano da tempo di narrazione del territorio attraverso la scrittura di libri, la fotografia e l’arte.

“Uno degli elementi su cui il territorio può contare è il suo ambiente naturale – spiegano i responsabili del corso – ed è quindi importante valorizzarlo. L’obiettivo del progetto è contribuire ad accrescere le professionalità capaci di costruire una narrazione dell’ambiente naturale e i suoi aspetti storico-antropologici che siano attrattivi per il turismo”.

La guida naturalistica o ambientale escursionistica è chi per professione accompagna persone singole o gruppi di persone in ambienti naturali o di interesse per l’educazione ambientale, comprese aree protette, parchi, riserve naturali, illustrandone le caratteristiche territoriali, gli aspetti ambientali e storico-antropologici, fatta eccezione per i percorsi che richiedono l’uso di attrezzature e tecniche speleologiche o alpinistiche.

In particolare cura l’attuazione del programma prestabilito, fornisce le informazioni generali sui luoghi visitati, presta assistenza per risolvere qualsiasi tipo di inconveniente che si può verificare durante l’escursione, favorisce la buona armonia del gruppo che accompagna ed ascolta chi non è soddisfatto, è responsabile del viaggio/percorso ed è il punto di riferimento degli utenti per tutta la sua durata.

Il corso di formazione prepara gli allievi ad affrontare l’esame di qualifica regionale, è organizzato in 240 ore totali, tra lezioni frontali e in uscita, e mira ad accrescere le competenze e le conoscenze sui contesti naturali e culturali delle Marche e del Piceno.

L’iniziativa rientra nell’ampio progetto attuato in sostegno delle comunità colpite dal sisma con la creazione di un centro di aggregazione e di formazione professionale, la Bottega della Speranza, inaugurato lo scorso 14 dicembre ad Acquasanta Terme, nel quale sono già stati avviati laboratori ludici e artistici per bambini, accompagnamento allo studio per ragazzi e adolescenti e corsi di musica in collaborazione con la Banda locale. 

Per iscrizioni e informazioni è possibile contattare gli organizzatori al numero: 334.6662673.

Oppure inviare una mail all’indirizzo:  guidanaturalistica@botteghedellasperanza.it.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 289 volte, 1 oggi)