ASCOLI PICENO – Una sconfitta che fa perdere le speranze salvezza. Un 3 a 1 che mette in evidenza tutti i limiti tecnici di questo Ascoli che non lascia intravedere nulla di buono. Non basta il gol, a tempo scaduto, di Carpani: la Salernitana espugna il “Del Duca” con le reti di Bocalon (doppietta) e Casasola. Un bel colpo quello effettuato dai granata allenati dall’ex Samb, Stefano Colantuono, in questo scontro diretto.

Una partita già scritta dall’inizio, bianconeri spenti e senza impegno scendono in campo senza mordente. Senza Martinho, Mogos e Bianchi mancano le fonti di gioco. Amaro esordio peri il portiere Agazzi che ha preso il posto, prima della gara, di Lanni infortunato.

I tifosi lasciano lo stadio a metà secondo tempo e si recano sotto la tribuna per contestare squadra e società. Al termine del match un cancello viene sfondato e la Polizia interviene per fermare la situazione delicata.

Prima dell’inizio del match tra Ascoli e Salernitana, la società bianconera tramite Rosseti, consegna alla famiglia di Danilo Aquilanti, tifoso del Picchio recentemente scomparso, la maglia dell’Ascoli.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.682 volte, 1 oggi)