ASCOLI PICENO – “Bene il via libera al decreto sul biometano agricolo”. E’ quanto afferma la Coldiretti in merito alla firma del provvedimento del ministero dello Sviluppo economico di concerto con il ministero dell’Ambiente e con il ministero delle Politiche agricole sulle misure per la produzione di gas da fonti agricole che in Italia ha una potenzialità di 8 miliardi di metri cubi da sviluppare nei prossimi 12 anni.

“Questa misura è importante anche perché – spiega la Coldiretti su dati GSE – l’Italia è il terzo Paese in Europa per consumi alimentati da fonti rinnovabili con una quota complessiva pari al 17,41% del totale dell’energia utilizzata a livello nazionale e ha raddoppiato in undici anni i propri consumi “green” da 10,7 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep) nel 2005 a 21,1 milioni nel 2016. In questo contesto – sottolinea la Coldiretti – è maturato il protocollo di intesa per la creazione di un sistema nazionale per la “coltivazione” e la trasformazione di biometano agricolo ottenuto da fonti rinnovabili, con la partecipazione di Coldiretti, Bonifiche Ferraresi, GSE, LGH (A2A), Acea, AB Impianti e con la collaborazione di realtà della meccanizzazione agricola”.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 62 volte, 1 oggi)