ARQUATA DEL TRONTO – “Abbiamo chiesto un occhio di riguardo per Arquata a Beatrice Covassi, capo della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea.”

Questa la prima richiesta dell’amministrazione comunale, durante la riunione che si è tenuta nella giornata di ieri, 13 marzo, presso la Sala Polivalente a Pretare.

In occasione della visita, la Covassi ha spiegato come l’Unione Europea non abbia dimenticato le aree colpite duramente dal sisma e ha illustrato le varie opportunità derivanti dai fondi comunitari.

“Beatrice Covassi ha presentato i fondi europei sia per l’area terremotata, sia per altre aree non colpite dal sisma – spiega Michele Franchi – bandi elargiti che possono diventare possibilità di sviluppo per tutte le nostre aree”.

“Arquata ha bisogno di vedersi riconosciuta la possibilità di far parte di un primo cratere, che garantisca aiuti maggiori a quei comuni che sono distrutti e hanno bisogni di ripartire da zero. Solo così potremmo credere in una vera rinascita. L’amministrazione comunale ha esposto quello di cui Arquata ha realmente bisogno, tra le priorità – continua il vicesindaco Franchi – rilanciare attività commerciali e artigianali del nostro territorio e dare nuova linfa al turismo, quando comincerà la ricostruzione.”

Il capo della rappresentanza italiana in Commissione europea, Beatrice Covassi, “ha promesso di farsi portavoce delle nostre istanze come rappresentante in Commissione europea – conclude Franchi – Arquata non deve essere dimenticata o prendersi le briciole. Dobbiamo ripartire e abbiamo fiducia che la Covassi abbia compreso le nostre richieste”.

Dopo il summit a Pretare e la riunione con i sindaci di Montegallo, Acquasanta Terme e Arquata del Tronto, la Covassi si è recata a visitare la scuola di Borgo, donata dalla Fondazione Lo Specchio dei Tempi. Presente anche Angelo Conti, “ci ha fatto piacere mostrare la scuola, abbiamo confermato il nostro impegno anche per la palestra che sorgerà poco distante. Beatrice Covassi è rimasta molto colpita dalla struttura, siamo contenti di aver partecipato alla rinascita di Arquata”.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 238 volte, 1 oggi)