ASCOLI PICENO – Pane, pasta e riso, ma anche lattuga, radicchio, aglio e formaggi freschi, uova bollite, latte caldo e frutta dolce: sono questi i protagonisti della dieta da cuscino per i circa 12 milioni di italiani che soffrono di insonnia a vari livelli di intensità.

E’ quanto spiega la Coldiretti in occasione della Giornata internazionale del sonno, il 16 marzo 2018, alla vigilia della primavera che accentua un problema che riguarda 1/3 della popolazione mondiale e che può essere combattuto anche con un’alimentazione che favorisca il riposo.

“In particolare – spiega la Coldiretti – per un vero sonno ristoratore vanno evitati i cibi pesanti, i superalcolici e le sostanze eccitanti come cioccolato, cacao, the e caffè per la presenza di teina e caffeina ed energy drink il cui utilizzo in eccesso è ormai un problema che riguarda anche gli adolescenti italiani visto che tre quarti di loro (il 76%) assume caffeina ogni giorno e quasi la metà (46%) – spiega la Coldiretti – supera i limiti massimi raccomandati dall’American Academy of Pediatrics in base a uno studio condotto dall’Università di Foggia. Ma per un buon riposo – avverte la Coldiretti – oltre a evitare bevande eccitanti durante il giorno, a cena vanno banditi alimenti conditi con curry, pepe, paprika e sale in abbondanza, ma anche salatini e piatti nei quali sia stato utilizzato dado da cucina”.

“Esistono invece cibi – evidenzia la Coldiretti – che aiutano il riposo: innanzitutto pasta, riso, orzo, pane e tutti quelli che contengono un aminoacido, il triptofano, che favorisce la sintesi della serotonina, il neuromediatore del benessere e il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento. Mentre nella dieta serale vanno bene anche legumi, uova bollite, carne, pesce, formaggi freschi. La serotonina aumenta con il consumo di alimenti con zuccheri semplici come la frutta dolce di stagione. Tra le verdure – ricorda ancora la Coldiretti – al primo posto la lattuga, seguita da radicchio rosso e aglio, perché le loro spiccate proprietà sedative conciliano il sonno, ma anche zucca, rape e cavoli”.

“Un bicchiere di latte caldo, giusto prima di andare a letto, combatte l’acidità gastrica che può interrompere il sonno e fa entrare in circolo durante la digestione elementi che favoriscono una buona dormita per via di sostanze, presenti anche in formaggi freschi e yogurt, che sono in grado di attenuare insonnia e nervosismo. Infine – conclude la Coldiretti – una porzione di dolce ricco di carboidrati semplici ha un’azione antistress, così come infusi e tisane dolcificati con miele che aiutano il rilassamento”.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 216 volte, 1 oggi)