FERMO – Fermo entra nella rete delle “Learning Cities” dell’Unesco, seconda città italiana dopo Torino. Lo ha annunciato il sindaco Paolo Calcinaro, aprendo un convegno sul ruolo dei mediatori linguistici e culturali nell’era digitale.

“E’ stata accettata da parte dell’Unesco la candidatura avanzata dalla nostra città per entrare nel circuito mondiale delle Città dell’Apprendimento – ha detto – l’Unesco Global Network of Learning Cities è un prestigioso circuito che riconosce la qualità e la strutturazione del percorso di studi dall’infanzia fino all’età adulta”.

Un riconoscimento “legato al contesto della città” che premia “la completezza e qualità dei servizi educativi e scolastici e di formazione, universitaria e professionale”.

Il percorso era partito nel 2017 con la predisposizione di un dossier da parte del professor Carlo Nofri della Scuola Superiore per Mediatori Linguistici ‘San Domenico’, e il formale appoggio dell’Unesco Italia. Il sì definitivo da Amburgo, sede dell’Istituto Unesco per l’apprendimento.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 52 volte, 1 oggi)