ASCOLI PICENO – Irruzione dei carabinieri in un’abitazione di Ascoli, nella mattinata del 27 marzo.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno e del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Ancona, impegnati a contrastare il traffico illecito di beni culturali nel territorio piceno, dopo prolungate e delicate indagini volte a ricostruire i traffici illeciti di opere d’arte e reperti archeologici di cui il patrimonio culturale nazionale è spesso vittima, hanno fatto irruzione in una casa di un noto commerciante del posto.

Sono stati rinvenuti rari “poculum”, attingitoi e vasellame vario in ceramica risalenti all’età del Bronzo (dal 3500 a.C. al 1200 a.C.) e del valore di decine di migliaia di euro.

I reperti, risalenti quindi ad alcuni secoli prima dell’insediamento della civiltà Picena (dal 900 a.C. al 300 a.C.), dopo essere stati identificati dagli esperti Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale, sono stati sequestrati. Il commerciante è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per ricettazione e per reati specifici in danno del patrimonio culturale archeologico.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.107 volte, 1 oggi)