ANCONA – “Una possibilità di crescita professionale per i giovani aspiranti avvocati di talento e una risorsa in più per l’Avvocatura regionale”: è il commento dell’assessore al Personale, Fabrizio Cesetti, all’atto di Giunta che prevede lo svolgimento della pratica forense presso l’Avvocatura regionale e definisce criteri e modalità per la selezione di praticanti avvocato.

Laurea in giurisprudenza oppure, in alternativa, iscrizione regolare all’ultimo anno del corso di studio per il conseguimento del diploma di laurea in giurisprudenza, sono i requisiti richiesti per lo svolgimento della pratica forense presso l’Avvocatura regionale la cui durata sarà non superiore ai dodici mesi se laureati e di sei se studenti. La selezione degli aspiranti avviene mediante avviso pubblico che stabilisce le modalità di presentazione della domanda e di svolgimento della selezione stessa.

“Lo svolgimento della pratica forense nell’Avvocatura regionale – aggiunge Cesetti – consente di perseguire almeno due finalità: contribuire alla formazione degli aspiranti avvocati attraverso una qualificata esperienza formativa in ragione dell’importanza e complessità del contenzioso regionale e, nel contempo, permette di affiancare agli avvocati in servizio presso l’Avvocatura giovani particolarmente meritevoli con i quali condividere l’esperienza professionale”.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 65 volte, 1 oggi)