ASCOLI PICENO – La scorsa settimana alcune roulotte con dei nomadi hanno cercato di insediarsi nella zona del mattatoio comunale di Ascoli Piceno, in località Castagneti.

Grazie alla collaborazione tra comando dei vigili urbani e carabinieri è stato prontamente effettuato, lo sgombero dell’area. Tutto ció è accaduto lo scorso 11 aprile.

“E’ una di quelle notizie – commenta il sindaco di Ascoli Guido Castelli – che confermano l’attenzione e lo scrupolo con cui le forze dell’ordine, segnatamente i carabinieri, seguono il nostro territorio che è sì complesso ma ha la fortuna di poter contare su rappresentanti dello Stato solerti ed efficaci. C’era il rischio concreto che si creasse un insediamento abusivo di nomadi, questa cosa non è avvenuta grazie ad un’azione puntuale e tempestiva della Benemerita”.

“Il perimetro della zona industriale è molto complicato da presidiare anche perché come è noto – prosegue Castelli – lì opera ed esercita le proprie attività il nucleo industrale che certamente non brilla per la capacitá di controllo del territorio. Segnalo, in merito, sempre grazie all’intervento dei carabinieri, come siano stati individuati i proprietari delle roulotte e di altri suppellettili che erano state abbandonate in via Copernico, ovvero dietro il Reggimento Piceno”.

“Anche in questo caso, grazie all’intervento dei carabinieri, le suppellettili appartenenti a dei rom, ed in particolare una vecchia cucina, saranno rimosse a cura di chi le aveva lasciate in quella zona. In questa maniera abbiamo anche evitato di spendere quei soldi che erano già stati stanziati per la rimozione di questi beni – aggiunge il primo cittadino – Tutto ciò consente di dire grazie ai carabinieri per quello che fanno e per la collaborazione che mostrato sempre di avere con i nostri vigili urbani”.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 143 volte, 2 oggi)