ASCOLI PICENO – “Ammontano a circa mezzo milione le pensioni erogate dall’Inps nelle Marche nel 2018, di cui oltre il 50% di vecchiaia, con un importo medio di 741 euro”.

Questa è l’affermazione di Francesco Fabiani, segretario della Uil Pensionati di Ascoli commentando gli ultimi dati della Regione Marche delle pensioni erogate per provincia, su dati Inps.: “La Provincia di Ascoli Piceno (circa il 15% del totale) si pone sostanzialmente allineata ai valori medi regionali sugli importi erogati, sotto per quanto riguarda invece il numero delle pensioni di vecchiaia ma in linea come importo medio erogato – aggiunge –  Per quanto riguarda la distribuzione, due pensionati su tre percepiscono un assegno inferiore a 750 euro al mese, valore soglia della povertà, con un gap di genere ovviamente ancor più sperequato”.

“Dati abbastanza netti che dimostrano come il peso delle pensioni di vecchiaia sul totale sia particolarmente gravoso e spinga verso il basso la media degli assegni erogati, in un tessuto sociale già piegato dalla crisi e dagli eventi sismici negli ultimi sette anni – dichiara Fabiani – Se la sostenibilità finanziaria del sistema è sempre a rischio, anche a fronte delle evoluzioni legislative, si conferma l’assoluta insostenibilità sociale che necessita di forme di sostegno reddituale innovative, purché compatibili col bilancio dello Stato, che non conducano il sistema ad un pericoloso cortocircuito tra lavoro e pensione con tutte le ripercussioni possibili”.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 72 volte, 1 oggi)