ASCOLI PICENO – Il Convegno tenutosi lunedì 23 aprile sull’ Ottimizzazione delle Risorse: Acqua ed Energia per le Aziende Agricole ed Alimentari è stato organizzato da Partners in Service srl, titolare del CEA “Ambiente e Mare” in collaborazione dell’Istituto Tecnico Agrario Statale “C. Ulpiani” di Ascoli Piceno nell’ambito del PSR 2014-2020 (Reg. 1305/2013), Sottomisura 1.2– Trasferimento di conoscenze ed azioni di informazione Operazione A “Azioni Informative relative al miglioramento economico delle aziende agricole e forestali”.

Tutto il ciclo produttivo agricolo, dalla coltivazione alla raccolta, fino ai processi di lavorazione in azienda, incide sull’impronta idrica, un indicatore di sostenibilità ambientale utilizzato per rappresentare il volume di acqua consumato per la realizzazione di un prodotto.

Il sensibile peso della risorsa idrica nelle attività economiche del settore primario, rende necessario impegnarsi in iniziative finalizzate ad ottimizzare la sua gestione nelle aziende agricole, allo scopo di migliorarne l’efficienza economica, ovvero di aumentare la competitività attraverso il contenimento dei costi di produzione in considerazione del fatto che la risorsa è accessibile a costi sempre maggiori, ma sempre nel rispetto dell’ambiente e della salubrità delle produzioni agroalimentari. L’utilizzazione accorta e razionale delle risorse naturali non implica solo la riduzione del loro sfruttamento, ma pone al centro della discussione una serie di azioni preventive e precauzionali che verranno approfondite dagli interventi in programma.

Per questo la Regione Marche ha inserito nel proprio Piano di Sviluppo Rurale l’Obiettivo di Ottimizzare il Consumo di Acqua ed Energia e creare incentivi appositi per le Attività Economiche del settore primario. L’efficienza energetica realizza un perfetto connubio che integra vantaggi per l’ambiente, il territorio ed i consumatori: del resto il contenimento dei costi di produzione va di pari passo con la competitività sul mercato.

L’attenzione del Convegno si è rivolta non solo alla necessità di razionalizzare le risorse naturali ma a tutte le azioni preventive che è bene mettere in atto.

La Biologa Barbara Zambuchini Coordinatore ed esperto Partenrs in Service srls si è dichiarata soddisfatta dello spazio offerto alle imprese e agli agricoltori “è importante per gli operatori del settore conoscere le Oppurtunità del PSR 2014-2020 Regione Marche , per tale ragione da anni la  Partenrs in Service cerca di dare risalto ai bandi in uscita e si spende in azioni di consulenza legate ai finanziamenti regionali ed europei”.  Sono state illustrate le nuove misure e relativi bandi aperti, quali le Misure Economiche e Agroambientali,  in particolare per le Aziende dell’Area cratere.

A seguire l’intervento La gestione razionale ed efficiente della risorsa idrica nelle aziende agricole deve risultare “integrata” con le altre pratiche agronomiche”, questo il focus del secondo intervento, a cura della Dott.ssa Irene Medori dell’Università Politecnica delle Marche (UNIVPM).

A chiudere la sessione informativa l’Ing. Maria Desirée Marinangeli che ha fatto un excursus sui “Nuovi Scenari nelle produzioni di energia da fonti rinnovabili”.

Obiettivo del Convegno è confrontarsi con le aziende locali sulla necessità di un’ottimizzazione dei sistemi di irrigazione e in parallelo sull’esigenza di una politica agricola incisiva, fondata sul ritorno a coltivazioni tradizionali locali, che non necessitano o riducano le irrigazioni.

Solo così è possibile realizzare agro-sistemi economicamente convenienti ed ecologicamente compatibili, in grado non solo di risparmiare la risorsa ma anche di conservarne la qualità, insieme alle altre risorse, come ad esempio il suolo.

Inoltre i Finanziamenti Europei consentono di migliorare le prestazioni economiche e approntare ristrutturazioni alle aziende agricole, ma la crescita rurale deve considerare quale tappa imprescindibile del suo stare al passo coi tempi la diversificazione delle attività quale nuova fonte di reddito e di offerta lavorativa che possa coinvolgere i più giovani. La multifunzionalità dell’agricoltura sociale vede protagonisti gli agriturismi, le fattorie didattiche, gli agrinidi, le country house, ma vanno progressivamente delineandosi nuovi scenari in relazione ai cambiamenti climatici e alla crisi del settore produttivo e dell’indotto di servizi ad esso correlato.

La Misura 6 -Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese, che è stato uno dei cardini della discussione di ieri e in particolare le due sottomisure aperte:la 6.1 Aiuti all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori (favorire il ricambio generazionale:giovani 18 a 40 anni, che devono rimanere capo azienda per almeno 8 anni Max 60.0000 euro) (aperta solo in area cratere) e la 6.4 Sostegno investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività Extra-agricole (Operazione A) Azione 1 – AGRITURISMO: Sviluppo di attività non agricole nel settore dell’agriturismo) in tutta la Regione Marche (intensità di aiuto incrementata del 10% per gli interventi ricadenti nelle aree del cratere sismico effettuati da aziende del cratere, dotazione finanziaria pari ad € 5.200.000.

La sottomisura 6.4 si pone l’obiettivo di sostenere azioni volte a sviluppare o migliorare la capacità di accoglienza turistica da parte delle aziende agricole multifunzionali consentendo loro sia di accrescere le proprie potenzialità economiche sia, contestualmente, di sostenere lo sviluppo economico e sociale delle aree in cui le stesse aziende sono localizzate. In particolare attraverso gli investimenti nel settore dell’agriturismo si intende sviluppare, accrescere e consolidare l’offerta dei “saperi” che il mondo rurale è in grado di proporre quali ad esempio la cultura enogastronomica regionale soprattutto attraverso le produzione di qualità, le bellezze ambientali del territorio, il patrimonio storico ed architettonico locale. A tal fine le finalità che si intendono perseguire sono:

la qualificazione dell’accoglienza turistica attraverso un miglioramento della qualità dei servizi da parte delle aziende agrituristiche;

l’introduzione di servizi innovativi attraverso lo sviluppo delle attività complementari, didattiche, ricreative e sportive

volte ad ottenere un aumento del numero degli ospiti e la loro permanenza.

Inoltre la Sottomisura 4.1 “Sostegno a investimenti nelle aziende agricole”, con dotazione finanziaria pari ad € 8.000.000, si applica nei Comuni della Regione Marche che rientrano nel “cratere del sisma” o nei Comuni fuori dal “cratere” in cui si trovano i fabbricati, strumentali all’esercizio dell’attività agricola, per i quali si è ottenuta ordinanza di inagibilità con un danno classificato di tipo B-C-D-E-F rilevato con scheda AEDES. Obiettivo del bando è sostenere la competitività delle imprese del settore agricolo, attraverso l’adeguamento e/o l’ammodernamento delle loro strutture produttive e il miglioramento della loro sostenibilità globale, anche in termini di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici.

L’azione informativa è stata rivolta agli imprenditori agricoli e alimentari ( compresi i coadiuvanti e i membri della famiglia agricola) operanti in particolare nella Provincia di Ascoli Piceno e Fermo per sensibilizzarli sull’ottimizzazione dell’uso delle risorse quali acqua e/o energia e news sui Bandi PSR 2014-20 R. Marche, in particolare aperti per le aziende “area Cratere”.

Finanziato nell’ambito del PSR 2014-2020 REGIONE MARCHE. Bando Sottomisura 1.2 A “Azioni informative relative al miglioramento economico delle aziende agricole e forestali” – Progetto ID 20927. “Si ringrazia per la collaborazione la Dirigente Prof.ssa Maria Luisa Bachetti e il Prof. dott. Agostino Agostini dell’Istituto Tecnico Agrario Statale “C. Ulpiani”.

 

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 69 volte, 1 oggi)