AMANDOLA – Amandola, uno dei centri del Fermano colpiti dal sisma, tra il 25 luglio e il 1 agosto prossimi sarà un ‘laboratorio’ per la summer school ‘Leaving with earthquakes’ organizzata dall’Università politecnica delle Marche in collaborazione anche con l’università di Cambridge: 25-30 studenti d’ingegneria, architettura, geologia, storia dell’arte e urbanistica, provenienti da tutto il mondo, esamineranno gli effetti del terremoto e lavoreranno su tecniche per conservare al meglio il centro storico, per mitigare le conseguenze delle scosse sulle strutture e renderle più ‘elastiche’, visto che molti Comuni dovranno comunque convivere con il terremoto.

L’esperienza si concluderà con una mostra e la pubblicazione dei lavori. Oggi la summer school è stata presentata dal rettore Sauro Longhi alla presenza del sindaco di Amandola Adolfo Marinangeli. Tra i temi specifici di studio, il complesso conventuale di San Francesco in vista del restauro e gli archivi storici di Amandola conservati ora ad Ascoli Piceno.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 153 volte, 1 oggi)