SANT’ELPIDIO A MARE – “Quest’anno la ricorrenza del Primo maggio arriva in un periodo di particolare tristezza per tutti noi”.

Lo scrive in un post su Facebook il sindaco di Sant’Elpidio a Mare Alessio Terrenzi dopo la morte di Stefano Marilungo, 65 anni, titolare di una ditta di pompe funebri deceduto forse per asfissia il 28 aprile dopo una violenta rapina messa a segno da tre persone. Anche il fratello della vittima, Sergio, era stato picchiato e imbavagliato dai rapinatori.

“Non mi sento di festeggiare con leggerezza e spensieratezza questa festa – prosegue Terrenzi – quando la comunità è sotto shock per quanto successo a due nostri concittadini. Siamo tutti provati dall’accaduto, la nostra comunità è stata violata nel profondo della vita quotidiana. Per questo non mi sento di fare nessun tipo di augurio, quest’anno”.

Il sindaco rinnova le condoglianze alla famiglia Marilungo e “la fiducia nelle forze dell’ordine, nella certezza che ogni energia sarà messa in campo affinché venga fatta giustizia”.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 444 volte, 1 oggi)