OFFIDA – La conoscenza dei mercati, nazionale ed internazionali, è fondamentale al fine di elaborare strategie di promozione e valorizzazione delle nostre eccellenze agroalimentari, questo il tema del convegno organizzato da Vinea con la collaborazione ed il  sostegno del Comune di Offida e della CCIAA di Ascoli Piceno, in programma per giovedì 10 maggio alle ore 15.30 presso l’Enoteca Regionale delle Marche di Offida.

L’incontro vedrà la partecipazione oltre che del Sindaco di Offida Valerio Lucciarini e del Presidente della CCIAA di Ascoli Piceno Gino Sabatini, istituzioni che con il loro supporto hanno reso possibile l’evento, del Presidente della Provincia di AP Paolo D’Erasmo e di Giorgio Savini Presidente  del Consorzio Vini Piceni.

Le relazioni tematiche, dopo l’introduzione di Ido Perozzi Presidente della Vinea, saranno affidate a Denis Pantini, Responsabile Area Agroalimentare di Nomisma ed a Riccardo Strano, Responsabile del Servizio Internazionalizzazione della Regione Marche. La sintesi e l’individuazione propositiva di atti, dopo alcuni interventi programmati da parte di imprenditori del settore, sarà competenza di Anna Casini, Vice Presidente ed Assessore all’Agricoltura della Regione Marche.        

Vinea ritiene che dandosi obbiettivi condivisi e programmandone la realizzazione i risultati si possono ottenere e ciò vale anche per gli aspetti che riguardano i rapporti con i mercati, la promozione e valorizzazione delle produzioni, anche su tali temi occorre analizzare e programmare. I risultati raggiunti non ci debbano far perdere la consapevolezza della necessità di attuare costanti verifiche volte a monitorare la situazione anticipando difficoltà o criticità emergenti. Questa predisposizione è necessaria al fine di poter definire strategie produttive, promozionali e commerciali da attuare nel medio/lungo periodo. Non dobbiamo cadere nell’errore di considerare i risultati raggiunti come acquisiti, ci dobbiamo confrontare, tra noi e con i mercati,  verificando su quali e con quali azioni sia più utile operare.

L’individuazione di una strategia integrata di promozione dei prodotti del territorio solo per fare degli esempi: oli EVO bio ed IGP, ortaggi con certificazione bio e frutta prodotta con metodologie a basso impatto ambientale e le strategie di rete e di sistema, che tante volte vengono evocate, devono trovare applicazione concreta e ciò è responsabilità di tutti.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 84 volte, 1 oggi)