CAMERINO – Programmare a Camerino le prossime consegne Sae con l’obiettivo di ultimarle entro luglio.

È questa l’agenda dell’incontro che si terrà l’8 maggio alle 15 a Palazzo Raffaello tra Regione Marche, Erap di Macerata, Protezione Civile Nazionale, Comune di Camerino e direttori dei lavori delle ditte impegnate nella realizzazione delle strutture abitative. Entro sabato verranno consegnate le aree di Cortine Ovest (43 Sae) e Vallicelle B (5 Sae) per un totale di 55 casette su 310.

“Uno sforzo corale per dare ai cittadini le risposte di cui hanno bisogno. Camerino è il comune con il maggior numero di casette richieste ed i tempi si sono allungati per le difficoltà idrogeologiche che abbiamo incontrato durante i lavori – sottolinea Angelo Sciapichetti, assessore alla Protezione Civile – L’impegno è quello di accelerare il più possibile i tempi visto che sarà con Camerino che chiuderemo la consegna di Sae, compiendo il fabbisogno inziale che conta 1930 strutture abitative; ad oggi abbiamo ne abbiamo consegnate 1478”.

Gli interventi Sae si inseriscono in un contesto molto più ampio di riorganizzazione del territorio che riguarda anche altre attività, da quelle commerciali allo studentato dell’Università, interventi che hanno richiesto la realizzazione di grandi opere infrastrutturali (strade, acquedotti, fognature). Le urbanizzazioni realizzate a Camerino hanno un valore di oltre 15 milioni di euro, la cifra più alta investita tra i comuni colpiti dal sisma. Il fabbisogno complessivo è stato fornito in via definitiva a gennaio 2018 con l’introduzione di una nuova area (Cortine ovest ampliamento) per la quale sono state richieste 39 casette.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 79 volte, 1 oggi)