ARQUATA DEL TRONTO – “Che alcuno non se parta dalla terra d’Arquata et suo contado con animo de non ritornare a detta terra” dallo Statuto di Arquata Del Tronto del 1574. E i Savignanesi sono ritornati. Il 5 maggio Gigi Contardi, Marco Della Pasqua e i volontari del Comitato Spontaneo Associazioni Savignanesi sono tornati ad Arquata, ancora una volta per donare solidarietà e aiuti concreti.

Marco Della Pasqua è l’autore del libro fotografico “La zona Rossa”. Grazie alla sua opera è stato possibile procedere alla realizzazione di un ultimo progetto del valore di oltre 8.000 euro: l’acquisto e l’installazione di arredi di completamento per la scuola di Arquata del Tronto .

Dalla prima terribile scossa del terremoto del 24 agosto 2016 ad oggi, il Comitato Savignanese ha raccolto e speso in vari progetti 30.250 euro, dei quali oltre 28.250 utilizzati per il territorio di Arquata del Tronto ed il rimanente per una roulotte ancora in uso nel vicino comune di Montegallo.

A tali cifre occorre aggiungere altri progetti “a costo zero” frutto di beni in donazione (arredi per bar, macchine da cucire, filati e stoffe) che hanno permesso a Sergio e Valeria di riattivare “l’Antico Bar” nella frazione di Piedilama e a Teresa (sarta esperta) che, insieme ad alcune amiche dell’Associazione Arquata Tricot ha fondato la “Cooperativa Sociale donne di Arquata” all’insegna del motto: “Ricuciamo la Comunità”.

In tutto oltre 10 belle iniziative realizzate all’insegna di una grande solidarietà, destinando di volta in volta quanto raccolto. Ogni euro è stato infatti investito in quei territori senza ulteriori sperperi. I costi dei numerosi viaggi per sondare le necessità, per scattare le fotografie del libro “la zona Rossa” e le consegne dei progetti sono stati tutti a carico dei singoli volontari o delle Associazioni che hanno messo a disposizione i propri automezzi.

La consegna ufficiale degli ultimi progetti è avvenuta presso il nuovo istituto scolastico di Arquata. Alla presenza del Sindaco Aleandro Petrucci, del Vicesindaco Michele Franchi, della referente didattica professoressa Antonella Micaloni, alcuni insegnanti e gli alunni delle scuole medie è stato proiettato il video per promuovere il libro del fotografo Marco Della Pasqua, con le medesime fotografie, preparato nei mesi scorsi; grande commozione ad ogni immagine proiettata, ad ognuno dei brani di Valentina Trenta recitati da Ilario Sirri, ad ogni nota della musica di Edoardo Gobbi, il tutto montato da Mattia Zamagni. Si vedevano nella penombra occhi sempre più lucidi e qualche lacrima.

A fine proiezione, molto toccanti le parole del Sindaco quando ha rimarcato l’amicizia e l’affetto fra i suoi conterranei ed i Romagnoli che ha avuto occasione di incontrare nel corso delle varie visite.

“Cosi come la continua sofferenza che i suoi concittadini subiscono da oltre 20 mesi – precisano i Savignanesi – E ancora la lunga attesa di una normalità che tarderà tanto prima di arrivare. Infine la speranza di poter accendere presto un camino in case degne di questo nome, al quale erano abituate queste famiglie di montagna che lo accendevano per buona parte dell’anno con la legna ed i “ciocchi” recuperati dai loro stupendi boschi”.

Il sindaco di Arquata Aleandro Petrucci ringrazia “tutti quanti hanno permesso di realizzare quei progetti, ma soprattutto a rinsaldare una grande amicizia testimoniata da grandi abbracci.”

Ancora una volta, i componenti della delegazione del Comitato sono stati definiti, dal Sindaco, “Arquatani” per le numerose presenze sul suo territorio ma soprattutto perché ci sono andati “in punta di piedi”, nel massimo rispetto di quei luoghi, di quelle pietre, di quelle strutture diroccate che ancora oggi testimoniano l’enorme tragedia subita.

Grazie alle diverse iniziative di privati, quelle popolazioni iniziano a vedere concretamente qualche importante segno di rinascita “Loro non mollano, noi non dimentichiamoli”.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 335 volte, 1 oggi)