ARQUATA DEL TRONTO – Da alcune abitazioni terremotate del Borgo Piceno, colpito in maniera dura dai terremoti 2016, erano scomparsi vari oggetti, anche preziosi.

A denunciare ciò alcuni abitanti di Arquata. La denuncia è stata raccolta dai carabinieri locali e inoltrata anche al Comando di Ascoli.

Dopo varie indagini sono state denunciate quattro persone: tre italiani e un macedone. Sono indagati per aver trafugato nelle case lesionate, nella “zona rossa”, un bottino da svariate migliaia di euro. L’accusa è di furto in concorso. Nella loro abitazione sono stati rinvenuti e già riconosciuti dalle vittime, alcuni quadri, mobilio, utensili da lavoro, argenteria e altri oggetti di valore economico e affettivo.

La refurtiva è stata recuperata e sarà restituita ai proprietari.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 249 volte, 1 oggi)