ASCOLI PICENO – La FORM si esibisce nella Chiesa di Sant’Andrea ad Ascoli Piceno. L’Orchestra Filarmonica Marchigiana, dopo aver terminato la stagione sinfonica nei teatri della regione e dopo aver partecipato al concertone del primo maggio a Roma insieme a Max Gazzè, il 25 maggio, alle 18.30, omaggia l’arte del compositore estone contemporaneo Arvo Pärt, tra i più amati dal pubblico delle nuove generazioni.

Il concerto, inserito nella rete internazionale “ESTONIA 100” degli eventi culturali per le celebrazioni del centenario dell’indipendenza dell’Estonia, viene realizzato in collaborazione con AMAT nell’ambito del Festival APP.

La FORM, diretta da Marco Berrini, è affiancata per l’occasione dal Vocalia Consort di Roma e dal Vox Poetica Ensemble di Fermo. In programma The Deer’s Cry per coro misto a cappella (2007); Berliner Messe per coro misto e orchestra d’archi (1990-2002); Da pacem Domine per coro misto e orchestra d’archi (2004) e Salve Regina per coro misto, celesta e orchestra d’archi (2001-2002).

Musica profondamente intrisa di misticismo, che reinterpreta il sacro all’interno di un confronto dialettico fra cultura e mistero, fra Occidente e Oriente, tradotto in una sofferta esperienza di vita attinente alla sfera del privato. La melodia di Pärt, infatti, non risuona all’esterno ma “tintinna” nel corpo e nell’anima; fonde il contrappunto imitativo antico al minimalismo moderno per scavare ossessivamente, con ostinata volontà, dentro il suono e produrre così, sull’ascoltatore, straordinari effetti di incantamento e di ipnosi mistica


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.