CASTEL DI LAMA – Continua la campagna elettorale a Castel di Lama, che culminerà il 10 giugno con le votazioni che decreteranno quale sarà il nuovo sindaco del comune lamense. Nella serata di domenica 27 maggio, presso la Pista di Pattinaggio, si è svolto il comizio elettorale e la presentazione dei candidati della lista civica “Noi Facciamo Così”, guidata da Sandra Sprecacè.

Ad aprire la serata un breve spettacolo del cabarettista abruzzese Angelo Carestia.

Successivamente, a prendere la parola per prima è stato, ovviamente, il candidato sindaco che ha, da subito, ribadito quelli che sono i concetti fondamentali della campagna elettorale, ovvero la volontà di creare un amministrazione onesta e trasparente, volta a fornire una partecipazione attiva di tutti i cittadini.

Tuttavia, quello che la Sprecacè ha voluto sottolineare ulteriormente è la volontà di essere un “sindaco a costo zero”; difatti, in caso di elezione vi sarà la rinuncia all’indennità di carica, pari a circa 30mila euro annui. Il tutto dovrebbe generare un risparmio totale all’anno di circa 55mila euro, che saranno reinvestiti nei vari progetti, che toccheranno moltissimi ambiti, come la scuola, la sanità, la cultura e la manutenzione urbana, ma anche lo sport e le attività giovanili.

Progetti che sono divisi tra tutti i membri dell’amministrazione, ognuno con il proprio ambito preciso d’intervento. Il capolista, inoltre, ci ha tenuto a presentare anche lo staff tecnico di esperti, il quale sta offrendo un contributo costante all’interno della campagna elettorale.

Uno dopo l’altro, successivamente, hanno preso la parola tutti e dodici i componenti della lista “Noi Facciamo Così”, dai più esperti ai più giovani, ognuno pronto a spiegare l’ambito nel quale si svolgerà la propria eventuale attività comunale. Primo a prendere la parola è stato Giacomo Caldarola, il quale ha risposto a tono, in merito alle polemiche sull’iniziativa “Adotta una telecamera”: “Castel di Lama non diventerà un Grande Fratello, come qualcuno ha affermato!”

Piergiorgio Cimica, poi, ha calcato la mano sui temi del lavoro; in particolar modo, è stato affrontato il tema della creazione di un “portale lavoro”, supportato da un apposito sportello: uno strumento in grado di coadiuvare la domanda dei cittadini lamensi e l’offerta di lavoro delle aziende della zona.

Tanti, successivamente, i temi trattati, come la scuola, l’ambiente, il sociale e la cultura, appannaggio rispettivamente di Valentina Rosati, Barbara Rosini, Sara Marinucci e Mauro Morganti.

Molto, anche lo spazio concesso ai candidati più giovani: Veronica Luciani, il giovanissimo Francesco Folchi Vici – poco più che diciottenne – Gian Marco Ubaldi e l’ex calciatore dell’Ascoli Picchio, Lion Giovannini; quest’ultimo in particolare ha ribadito la volontà, comune a tutto il poule dei candidati, di rendere “Castel di Lama un fiore all’occhiello”.

Spazio, infine, anche ad un ammodernamento del comune, ed un passo verso il futuro tramite la digitalizzazione delle attività comunali, come ha spiegato Bruno Traini.

A concludere gli interventi è stato Pio Silvestri, il più esperto di tutti, il quale non ha fatto mancare alcune frecciatine alla precedente amministrazione, rea di non aver rispettato le premesse di cambiamento che erano alla base della campagna elettorale che li aveva portati alla guida del paese.

Un rinfresco, infine, ha concluso la serata. La campagna elettorale della lista continuerà venerdì 1 giugno e si sposterà presso la contrada di Villa Chiarini.

 

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 200 volte, 1 oggi)