ASCOLI PICENO – “Mi arrivano segnali inequivocabili di un aumento della spesa. Teniamo il fronte. Temo che ci siamo segnali che denotano un’idea della ricostruzione collegata al business. Io lo so, sono un’imprenditrice, non sono Alice nel Paese delle Meraviglie ma non bisogna esagerare. La ricostruzione deve continuare a mantenere un filone etico senza il quale diventa un’altra cosa che non è quello che è immaginato”.

A lanciare l’allarme è stato il commissario straordinario alla ricostruzione delle aree colpite dal terremoto del Centro Italia del 2016 Paola De Micheli spiegando che “siamo nella fase della ricostruzione perché i cantieri sono aperti e siamo nel tempo della decisione finale. Abbiamo messo delle regole, alcune sono migliorabili ma altre sono dei presidi su come le risorse pubbliche devono essere utilizzate perché possono esserci appetiti illegali”.

“Mi arrivano richieste di abbassare queste difese ma se devo abbassare le difese adesso che sono a un miglio dall’aumento dei cantieri io non sono disponibile” conclude la De Micheli.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 62 volte)