ASCOLI PICENO – Sabato 16 giugno dalle ore 15 alle 18, all’Hotel & Residenza Cento Torri di Ascoli, si terrà l’incontro “Quando in casa stiamo stretti“.

L’incontro interattivo è l’ultimo dei tre incontri previsti, dopo “La strada che porta a te” a San Benedetto del Tronto e ” Io/tu e lo smartphone” a Porto Recanati.

Conduce l’evento Fabiana Solustri, psicologa e psicoterapeuta sistemico – relazionale.

Il tema dell’incontro è “Io/Tu, i nonni e i figli: gener-azioni a confronto e resilienza familiare“.

“Partiremo dall’analisi delle relazioni familiari – spiega Fabiana Solustri – fornendo strumenti ed indicazioni per la costruzione del genogramma della propria famiglia di origine, rappresentando le 3 generazioni: quella attuale (in cui il partecipante si trova), quella dei propri genitori e quella dei propri nonni.

Chi vorrà potrà raccontare/descrivere la propria famiglia di origine – continua la psicologa Solustri – e verrà aiutato a comprendere le relazioni interne, su ciò che gli appartiene e su ciò che lo differenzia, ponendo l’accento sulle capacità e potenzialità che il partecipante potrà utilizzare per “ri-alzarsi” in momenti di crisi e/o difficoltà. Verranno forniti stimoli ed input utili sui quali, per effetto delle risonanze interne, potranno riflettere tutti i partecipanti che interverranno.”

Nel tema dell’incontro, emerge il valore della “resilienza familiare”. Più spiegarlo?“La resilienza rappresenta, quello che in Gestalt, viene definito livello eroico, – precisa Fabiana Solustri – la capacità e la possibilità di rialzarsi nonostante le difficoltà che vengono incontrate lungo il percorso della propria vita. Quel livello che oggi, soprattutto a seguito del sisma, le persone del cratere hanno bisogno di ritrovare. Questo workshop pratico-esperienziale, è un anticipo di quello che verrà svolto presso il Residenziale di Simbiosofia dal 5 all’ 8 Luglio presso il Monastero di Acquasanta Terme.

Il workshop ha l’obiettivo di avvicinare le persone alla psicologia, – conclude – fornire degli strumenti utili e degli spunti di riflessione che danno la possibilità di cogliere altri punti di vista per rileggere la realtà familiare con altri “occhiali”. Ci farà comprendere i meccanismi che agiamo inconsapevolmente per ridarci la libertà di diventare veramente protagonisti della nostra vita familiare.”

L’ingresso è gratuito, verrà rilasciato un attestato di partecipazione. Per prenotarsi o richiedere informazioni si potrà fare riferimento al sito web simbiosofia.it o scrivere a centrostudi@simbosofia.it.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 132 volte)