ASCOLI PICENO – “Le imprese commerciali del ‘cratere’ marchigiano’ hanno subito un drammatico calo del fatturato”.

Lo denuncia Camilla Fabbri, responsabile Cna Marche per la Ricostruzione secondo cui “rispetto a una media del fatturato annuale delle imprese marchigiane del commercio di 345 mila euro, per quelle del cratere il fatturato medio 2017 si è fermato a 182 mila euro, poco più della metà”.

Una “boccata d’ossigeno” per le 7.508 imprese commerciali operanti nell’area, per Cna potrebbe arrivare dall’anticipo di una settimana (al 29 giugno) dei saldi nei Comuni del cratere deciso con decreto dal vicecommissario Luca Ceriscioli: “Ci auguriamo possano rappresentare un’occasione per i marchigiani di visitare le zone colpite dal sisma e aiutare con i loro acquisti”.

“Importante anche la proroga al 3 agosto del termine per richieste di contributo delle imprese del turismo, agriturismo, commercio e artigianato con riduzione del fatturato superiore al 30% della media degli ultimi tre anni, nei sei mesi dopo il sisma” aggiunge.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 71 volte, 1 oggi)