OFFIDA – Si è svolta stamattina, 5 luglio, presso la Sala Giunta del Comune di Offida, la conferenza stampa che ha visto la presentazione della cooperativa Diogene Multiservice, composta da persone disoccuppate, la quale ha trovato nell’amministrazione locale un ottimo sostegno per avviare al meglio questo progetto.

Al termine della stessa, difatti, il vice-sindaco, Isabella Bolsano, ha consegnato al presidente della cooperativa, Stefano Abrugia, le chiavi della sede legale che il Comune ha concesso in quel di Offida, in Via Vicolo Rota 28.

A prendere la parola per primo è stata proprio la Bolsano che ribadito il pieno appoggio dell’amministrazione: “Si tratta di un’iniziativa importante perché, attraverso più parti, ovvero quella sociale, regionale e locale, si dà voce ad un problema importante come quello della disoccupazione. Le amministrazioni comunali possono fare poco per quanto riguarda l’ambito lavorativo, se non dare appoggio ed incentivo ad attività di questo genere”.

“Innanzitutto, vorrei ringraziare il vice-sindaco che per il sostegno datoci fin dall’inizio – ha esordito il presidente della Diogene Multiservice – Non è stato facile riunire intorno ad un tavolo “ragazzi”, afflitti da questo problema comune – la disoccupazione, ndr. Trovata, però, una linea comune,  ci siamo potuti appoggiare sulle diocesi di Ascoli Piceno e di San Benedetto del Tronto“.

Siamo 10 soci, più altri 5 “flessibili”, che entreranno occasionalmente – ha proseguito Abrugia – Ci muoviamo sul territorio per trovare il più ampio sostegno possibile; cerchiamo persone con la dignità e l’orgoglio di rimettersi in gioco. Magari un giorno questo progetto potrebbe diventare più ambizioso…”. “Questo è affrontare le difficoltà senza arrendersi e senza aspettare la manna dal cielo. Può essere da esempio” ha incalzato la Bolsano.

“Si tratta di buttare il cuore oltre l’ostacolo. Noi, comunque, abbiamo trovato sempre interlocutori molto attenti ed una serie di circostanze favorevoli, come ad esempio la concessione della sede locale da parte del Comune di Offida: senza sede legale non potevamo fare la cooperazione” – ha continuato Abrugia – “Abbiamo colloqui ad uno stadio avanzato anche con il sindaco Piunti ed il sindaco Piergallini, a dimostrazione del fatto che c’è interesse. Senza questa volontà e questa iniziativa sotto, la cooperativa diventa fine a se stessa”.

Infine il vice-sindaco ha illustrato quali sono le innumerevoli attività che la cooperativa svolgerà, sottolineando come “C’è professionalità. Ognuno di loro è specializzato in questi progetti e, inoltre, sono in continuo aggiornamento attraverso la partecipazione a corsi specifici”.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 176 volte)