APPIGNANO DEL TRONTO – Il comune di Appignano del Tronto, come ogni anno, offre un’estate  ricca di iniziative e di proposte educative per i bambini e i ragazzi. Nella settimana che passata ovvero dal 9 al 13 luglio, ogni giorno dalle 8:30 alle 12:30, presso la Palestra della scuola secondaria di primo grado, si è svolto il campus E-STATE con Me-Te, un percorso multidisciplinare d’arte rivolto ai bambini e ragazzi di età compresa tra i  6 e i 13 anni.

Il campus E-STATE con Me-Te, una proposta che è nata all’interno del progetto ReMi, rete educativa per l’inclusione, ha riscosso molto successo data la partecipazione di circa trenta bambini e ragazzi appignanesi. Lo staff docente coordinato dall’insegnante Roberto Paoletti, ha elaborato un percorso laboratoriale di 5 giorni concentrato sulla ricerca delle caratteristiche di un personaggio attraverso esercizi ludico-espressivi di varia natura.

Partendo dall’obiettivo di rendere, i bambini e ragazzi, sempre più consapevoli dell’importanza della dimensione corporale si è proposto un laboratorio in cui sono stati creati dagli utenti stessi animali fantastici o reali proprio per entrare in contatto con il loro corpo e con le loro capacità creative collegandole con la loro dimensione corporale. Il percorso ha previsto poi un laboratorio sulla caratterizzazione del corpo che ha permesso poi ai partecipanti di creare un personaggio con determinate caratteristiche provenienti proprio dalla fase di caratterizzazione del corpo. È stato dedicato del tempo allo studio e alla ricerca  di maschere di varia tipologia. Questa fase preliminare di studio ha portato poi i partecipanti a lavorare sulla caratterizzazione dei personaggi per giungere poi alla costruzione della maschera personale e di una marionetta. A tal fine, i partecipanti hanno indossato i panni di piccoli scrittori e piccole scrittrici, creando e ideando una storia che verrà raccontata attraverso le loro marionette. Inoltre, a cura dell’insegnante di Danza Annarosa è stato proposto un laboratorio di espressione corporea e di movimento corporale con lo scopo di acquisire maggior consapevolezza di sé e delle proprie emozioni, potenziare l’autostima e l’autonomia.

In pratica, scrittura creativa, ricerca della caratterizzazione di personaggi, gioco e costruzione di maschere e marionette, il tutto farcito da tanta educazione alla relazione.

Prossima settimana invece si parte con il campus Laboratorio della Speranza, una estate piena di iniziative volte ad aiutare le famiglie ai fini di far crescere i ragazzi con percorsi educativi che durano non solo durante l’anno scolastico ma per tutto il tempo dell’anno solare, insomma poche ferie per i nostri ragazzi, ma tante attività per crescere e divertirsi insieme.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 63 volte, 1 oggi)