SPINETOLI – Più di 150 persone ieri sera hanno ‘assaltato’ piacevolmente la Locanda del Terzo Settore di Spinetoli nella notte dedicata all’osservazione dell’eclissi di Luna più lunga del secolo. Lo straordinario fenomeno naturale ha coinciso con un appuntamento programmato già da diverse settimane sul prato di Centimetro Zero: quello con la meditazione, un evento realizzato da Maria Luisa Prisciano con la partecipazione straordinaria di Elhedjisamb alle percussioni ed Eva Fasano, vocalist, proposto all’interno del laboratorio di meditazione rivolto ai ragazzi del ristorante sociale, giovani con diverse disabilità, impegnati nel progetto che coniuga integrazione e cucina di alta qualità.

Sono appuntamenti, quelli con la meditazione, che puntualmente registrano un ottimo successo in fatto di adesioni, tanto da porsi tra le attività di punta di “Centimetro Zero”, il progetto realizzato insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno che alcuni anni fa ha creduto nella realizzazione di una locanda sociale capace di offrire a giovani in condizioni di difficoltà e marginalità un percorso di inserimento lavorativo.

E’ così che ieri sera un gran numero di persone ha decretato il tutto esaurito per i tavoli del ristorante, mentre altrettanti spettatori si sono riversati nella campagna circostante, in prossimità dell’orto, dove con la preziosa collaborazione di tre astrofili, Marcello Lugli, Stefano Gabrielli e Filippo Monti, erano stati posizionati due telescopi professionali per l’osservazione dell’eclissi.

Gli studiosi hanno dispensato lezioni di astronomia e spiegato i passaggi del fenomeno naturale per tutta la durata dell’evento, attirando l’attenzione anche delle persone che in quelle ore si sono trovate a passare in auto vicino al casolare e che, notato il punto di osservazione, hanno lasciato le vetture in strada per raggiungere il capannello di osservatori.

Dai tavoli del ristorante, invece, è stato possibile cenare a lume di candela con ‘vista Luna’ e assistere a tutte le fasi dell’eclissi gustando il menù a base di verdure proposto per l’occasione. E tra una portata e l’altra, una passeggiata nell’orto, seguendo il sentiero disegnato dalle candele sistemate a terra, per osservare il satellite naturale da vicino, attraverso i telescopi.

“E’ stata una serata straordinaria – commenta Emidio Mandozzi, responsabile della Locanda – avevamo avuto molte prenotazioni per l’evento ‘Meditazione’ e i posti erano esauriti da diversi giorni, tanto da programmare una nuova data per fine agosto con una trentina di nominativi già in lista, ma non ci aspettavamo un afflusso del genere. Serate come questa sono anche una specie di test per i nostri ragazzi che ieri si sono comportati benissimo. Nonostante i ritmi frenetici che ci hanno tenuto impegnati fino a oltre l’una di notte, i nostri collaboratori speciali hanno retto la stanchezza e, anzi, hanno lavorato con una eccitazione e un coinvolgimento che non avevamo mai visto: entusiasti di avere a che fare con così tante persone”.

“E’ stata una bellissima serata – racconta Roberta D’Emidio, responsabile del progetto sociale –. L’afflusso eccezionale di persone ha dilatato un po’ i tempi di attesa tra una portata e l’altra ma i nostri ospiti hanno accettato di buon grado questa situazione imprevista, riversandosi, nelle pause, nell’orto a osservare la Luna dai telescopi. Siamo felici dei risultati ottenuti e, soprattutto, del coinvolgimento dei nostri ragazzi che ogni giorno di più registrano progressi in fatto di autostima e autonomia”.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 116 volte, 1 oggi)