ASCOLI PICENO – Ascoli che esce sconfitta per 4 reti a zero contro la Viterbese Castrense di mister Lopez che supera così il secondo turno di Coppa Italia. Una doppietta di Vandeputte e un gol a testa di Zerbin e Ngissah affondano il Picchio. 

Difesa a tre con Mengoni, Padella e Brosco sempre troppo fermi, manovra lenta e macchinosa che si appoggia sulle spalle di Buzzegoli, parte offensiva sterile, buono invece l’impatto dei subentrati Baldini e Tassi che hanno dato spinta e velocità mentre sono risultati troppo spenti Addae, Mignanelli, Kuspicz e Ganz. Beretta ci prova con qualche tiro dalla distanza ma è davvero troppo poco.

Il patron Pulcinelli ripartito subito per Roma lascia la parola i microfoni al DG Gianni Lovato: “Una partita molto diversa da quella che ci aspettavamo, i segnali che avevamo avuto durante il ritiro non erano questi mi riferisco anche all’atteggiamento, siamo stati troppo timorosi, in uno stadio cosi bisogna avere personalità. Sapevamo che poteva essere una partita rischiosa e difficile, siamo partiti in ritardo e siamo all’inizio di un cammino lungo e importante. Primo test importante, ci serve per capire le criticità fermo restando che non posso credere che siamo veramente questi. Prima partita vera, il presidente Pulcinelli mi ha chiesto di lasciare un messaggio ringrazia la curva, l’atteggiamento del pubblico comprensivo e straordinario dice che sapremo ricambiare questa fiducia.”

“Il nostro mercato non è finito, ma dobbiamo risolvere le uscite, i nostri non accettano le squadre che abbiamo trovato per loro, chi rimane e non fa parte del progetto rischia di non giocare mai. Noi completeremo la squadra con ulteriori interventi. Il terreno di gioco situazione critica che non sarò risolta prima di un mese per tornare a una situazione normale.”


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.