ASCOLI PICENO – I Carabinieri della Compagnia di Ascoli Piceno e della Stazione di Venarotta, nella nottata del 16 agosto sono intervenuti presso l’abitazione di un pensionato di 74 anni di Roccafluvione, su richiesta al 112 del figlio convivente che implorava aiuto immediato a causa degli atteggiamenti violenti del padre.

L’uomo, al culmine dell’ennesima lite per futili motivi con la moglie convivente di 70 anni e il figlio stesso, ha imbracciato e caricato con decisione il fucile da caccia, regolarmente detenuto, minacciandoli di morte. L’immediato intervento del figlio ha evitato l’ennesima tragedia familiare.  

L’uomo, Infatti, ha affrontato il genitore con forza e decisione e, durante la colluttazione e prima di disarmarlo, quest’ultimo ha esploso un colpo di fucile che ha attinto l’interno del soggiorno senza causare danni più gravi. L’immediato arrivo dei Carabinieri che hanno subito inteso la gravità della situazione peraltro mai denunciata presso alcun presidio di forza di polizia, ha permesso di rintracciare e fermare l’uomo che, compresa la gravità del gesto, si era rifugiato presso l’abitazione di un familiare che abita poco distante.

Il pensionato, condotto in caserma ad Ascoli Piceno, è stato dichiarato in arresto per tentato omicidio. Al settantaquattrenne sono stati ritirati altri quattro fucili che deteneva regolarmente.  


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.135 volte)