ASCOLI PICENO – L’Ascoli Calcio continua a presentare i tanti volti nuovi di questa campagna acquisti che sta rivoluzionando la squadra bianconera. Oggi è la volta di Salvatore D’Elia, difensore, ed il portiere Filippo Perucchini.

Le prime in bianconero di D’Elia: “Ho trovato un ambiente che ha voglia di fare qualcosa di importante in Serie B, ho trovato ragazzi vogliosi e un allenatore bravo che non conoscevo personalmente di persona ma di cui tanti ex compagni mi hanno parlato bene. Spero di stare bene fisicamente e di dimostrare tutto il mio valore. Gioco a sinistra ma all’occorrenza posso stare a destra, come chiede il mister.

“Il fallimento del Bari?- prosegue il difensore – E’ stato un momento molto triste, c’è tanta passione a Bari e quindi c’è stata molta delusione. Avevo altre richieste ma mi hanno conquistato le parole del direttore che mi ha convinto, è stato facile scegliere. Serie B a 19 squadre? Sicuramente sulla carta è più difficile, tutte le squadre si sono rinforzate con giocatori di categoria. La mia esperienza nelle giovanili della Juve? Impossibile trovare difetti, sono migliorato tecnicamente e caratterialmente”.

La parola passa poi a Perucchini: “E’ stata una trattativa rapida, quando è arrivata la proposta non ci ho pensato più di tanto, qui c’è tutto per fare bene. Non ho un modello di portiere di riferimento, cerco di imparare anche guardando video su Youtube, mi ispiro un po’ a tutti, anche se quello che mi piace di più è Oblak; in Serie B ci sono tanti portieri importanti.

Lanni? – continua il portiere – Ivan lo conoscevo avendoci giocare contro, mi sta dando una mano per inserirmi, c’è una sana competizione che non può che fare bene; è un ragazzo davvero eccezionale, sta nascendo un bel rapporto. I miei punti di forza? Mi hanno fatto tante volte questa domanda, ho 26 anni e credo che bisogni migliorare ogni giorno; oggi il portiere non deve parare soltanto ma saper fare tante cose. La cosa importante è andare in campo e lavorare come un treno. Il mio gioco con i piedi? Ci lavoro da qualche anno, adesso anche a livello giovanile gli si dà molta importanza”.

 

 


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 99 volte)