ASCOLI PICENO – Sarà l’artista internazionale Gomez a dipingere la facciata della palazzina popolare in via Lazio, Ascoli Piceno. L’intervento fa parte della terza edizione del progetto Arte Pubblica, promosso dall’Associazione Culturale Defloyd e dal Comune di Ascoli Piceno, proprietario dell’immobile.

L’artista romano, con la sua pittura d’ispirazione classica, cercherà di creare un’opera che si integri al meglio nel contesto del quartiere popolare Pennile di sotto. L’Associazione è già intervenuta nel quartiere presso la Casa della Gioventù (Piazzale R. Strulli – anno 2016), realizzando l’opera d’arte murale Frammenti, per mano dell’artista Seacreative.

Per qualsiasi info visitare il sito www.arte-pubblica.org oppure chiamare il 3927248964

“Adesso l’obiettivo è quello di creare immagini che parlino sottovoce agli abitanti delle zone che le ospitano, mantenendo i colori dell’ambiente, che si inseriscano in punta di piedi senza però per questo perdere il valore del messaggio che portano…” queste le parole di Luis Gomez de Teran che sarà all’opera fino a domenica 02 settembre 2018. Sarà un’occasione unica per ammirarlo a lavoro: la facciata, alta 12 metri, diventerà la tela su cui l’artista dipingerà un’opera d’arte urbana.

Luis Gomez de Teran (1980) nasce a Caracas (Venezuela) ma si trasferisce sin da piccolo a Roma, città dove vive tuttora e in cui coltiva la sua vocazione artistica manifestata inizialmente attraverso il linguaggio dei graffiti e culminata nella pittura figurativa. L’arte di Gomez propone un realismo ispirato alla pittura barocca, attraverso l’uso del chiaroscuro e dei forti contrasti di bagliori ed ombre che modellano i corpi, generalmente ritratti su sfondi monocromi spesso oscuri, illuminati da squarci di luce violenta e teatrale.

I temi utilizzati richiamano la letteratura classica e mitologica con una poetica di strada che indaga il reale e i conflitti dell’animo umano. Dipinti urbani accompagnati da versi poetici scritti a margine delle pareti. Spesso nel processo di realizzazione delle sue opere d’arte in strada, sceglie modelli sul posto dove viene chiamato a intervenire, scattando loro delle foto che poi utilizza come riferimento per il dipinto. Negli ultimi anni alla produzione su tela (Nox Omnibus Lucet – La notte splende per tutti, prima mostra personale, Galleria Varsi – Roma, 2016) ha aggiunto alle sue opere in strada, oltre l’uso del pennello e vernici su muro, anche l’impiego di materiali applicati come pietre, specchi, vetro e ferro.

Le sue opere d’arte murali sono sparse in diverse città di Italia e del mondo come Berlino, Barcellona, Mumbai, Londra, Zarzis, Torrijos. E’ stato promotore di festival e iniziative artistiche (Gian Maria Volontè – Roma, 2016). Ha già collaborato con il progetto Arte Pubblica realizzando l’opera Il ballo mascherato, nell’ambito del festival Voci nei vicoli, Mosciano Sant’Angelo (TE), 2017.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 75 volte)