TERAMO – La cantautrice e autrice milanese, Cristina Donà, porterà il suo sound e le sue canzoni alla VIII edizione di “Note su ali di farfalla: Notte per Federica e Serena“, che si terrà l’8 settembre al Chiostro SS. Madonna delle Grazie a Teramo dalle ore 21. Sul palco anche Filippo Graziani figlio dell’indimenticabile Ivan che riproporrà alcuni grandi pezzi del padre.

Il ricavato dell’evento sarà destinato alla realizzazione del progetto dell’ Associazione Carrozzine Determinate Abruzzo che prevede lo svolgimento di un percorso pratico/empatico nelle Scuole secondarie e nelle Università, il noleggio di carrozzine e la stampa e diffusione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità.

L’Associazione culturale Federica e Serena è nata nel 2009, a seguito del terribile terremoto aquilano in cui sono rimaste vittime due studentesse di medicina, Federica Moscardelli di Montorio e Serena Scipione di Bisenti. Lo scopo è quello di mantenere vivo il loro ricordo attraverso attività culturali il cui ricavato ogni anno viene devoluto per la realizzazione di un progetto specifico. 

Un percorso musicale iniziato nei primi anni’90, quello di Cristina Donà e diventato realtà nell’album Tregua del 1997, con la collaborazione di importanti musicisti della nuova scena rock nazionale dell’epoca, soprattutto di Manuel Agnelli, che produce l’album.
Proprio lo scorso anni hai festeggiato i 20 anni di carriera  con una riedizione di Tregua:Sono molto felice di averlo festeggiato perché  nulla è scontato, non sempre nella vita tutto va come si desidera, è un lavoro particolare e la musica come tanti altri settori è in crisi. Mi reputo fortunata per aver iniziato in un momento d’oro quello degli anni’90 e aver fatto tante esperienze con diverse etichette discografiche e per aver condiviso questa mia fortuna con tanti artisti giovani. Il remake di “Tregua” è stato affidato infatti alla voce di alcuni artisti della nuova generazione, quando abbiamo fatto questa operazione condivisa con Gianni Cicchi che è il mio manager, è stato proprio lui a darmi lo spunto per questa idea.“

A Teramo per la settima edizione di una manifestazione davvero importante per il suo significato: “Una serata importante purtroppo il sisma ha colpito fortemente il territorio e sono molto felice di  partecipare a questa iniziativa.“

Durante la serata ci sarà l’esibizione con Saverio Lanza,  ripercorrerai il tuo repertorio presentando le tue canzoni in una versione essenziale, guardandole cioè “in controluce:La collaborazione con Saverio Lanza nasce con l’album “Torno a casa a piedi”, l’ho conosciuto nel 2008 e le canzoni in controluce non sono altro che una versione acustica dei miei brani. La versione minimale da sempre molto spazio alla voce e ci tengo molto, anche se mi piace molto collaborare con altri gruppi con diversi elementi, ma tornare all’essenza per me è sempre molto importante ed è una dimensione che necessita di un luogo adatto.”

Un’estate ricca di concerti per te, molto particolari, hai assaporato luoghi dell’Italia nascosti, o lasciati da parte, come a Rocca Calascio, di cui hai realizzato un video molto emozionante, con compagni di viaggio d’eccezione, come Marina Rei, Syria, Ginevra Di Marco e altri ancora: ”In Italia ci sono molte location così, che possono essere rivissute, a Rocca Calascio è stata una delle esperienze più belle che ho fatto, amo il territorio, i paesaggi e la natura inoltre era all’interno di un Festival creato da persone molto appassionate che hanno una motivazione forte così come a Teramo, un concentrato di energie meravigliose.”

Sul palco insieme a Filippo Graziani, tra l’altro proprio nel 2012 avevi realizzato un’interpretazione di “Agnese” nel cd che fù un omaggio al padre, il cantautore Ivan Graziani, scomparso nel 1997: “Si mi arrivò la richiesta da Filippo, stava curando questo omaggio dedicato al padre e ho avuto la possibilità di interpretare uno dei brani di Ivan che preferisco, una canzone che mi faceva venire in mente queste scene di un film che si ripetono come cartoline, coinvolgendo anche Cristiano Calcagnile. Faremo questo brano insieme sul palco.”

 

 

Il palcoscenico musicale italiano è cambiato molto dai tuoi esordi, anche attraverso i social cerchi di raccontarti, raccontare e di analizzare la vita prediligendo contenuti importanti:Amo scrivere, iniziai tempo fa scrivendo dentro al mio sito, ora ci sono molti canali ed è sempre più difficile stare dietro a tutto. Ci tengo è una cosa che mi fa piacere fare e penso faccia piacere anche agli utenti che mi seguono, anche li punto all’essenza delle cose facendo passare un messaggio reale.”

 

Progetti per il futuro?: Sto lavorando ad un nuovo album ma non è di prossima uscita, sto facendo molti progetti che volevo fare e poi farò alcune date con Ginevra Di Marco, condivideremo il palco insieme, ormai da tanti anni, anche lei partecipò all’iniziativa,  invitata con il suo progetto Stazioni Lunari a “Note su ali di Farfalla: Notte per Federica e Serena. Poi cerco di sperimentare nuove sonorità magari più sulla musica elettronica, mi piace esercitarmi a non chiudere gli orizzonti anche per scoprire cose nuove ed interessanti.”

 


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 188 volte)