ASCOLI PICENO – Continua l’attività dei Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno, impegnati a contrastare l’attività di spaccio di stupefacenti soprattutto quando vede coinvolti i minori.

Infatti, si è conclusa ieri, 5 settembre, un’operazione di servizio dei militari della Compagnia e della Stazione di Ascoli Piceno che, dopo alcuni giorni di specifici servizi e controlli di polizia, hanno fatto irruzione in un’abitazione del centro storico ascolano.

Era stata documentata dai militari una fiorente attività di spaccio in cui erano coinvolti ragazzi provenienti anche dai paesi limitrofi, fermati ed identificati, trovati in possesso di svariati grammi di hashish.

Nell’appartamento, dove sono stati trovati una ragazza e un ragazzo, ascolani di 24 e 30 anni incensurati, la successiva perquisizione ha permesso di rinvenire 70 grammi di hashish, centinaia di euro in contanti, un bilancino elettronico di precisione  e materiale per il confezionamento delle dosi.

Il tutto, compreso il denaro poiché probabile provento dell’attività illecita, è stato posto sotto sequestro. I due sono stati quindi arrestati per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti con l’aggravante specifica di aver venduto la droga a minori e posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Ascoli Piceno. 

L’operazione ha consentito di liberare una parte di quel quartiere da una vera e propria “piazza di spaccio” che creava in zona un forte degrado avvertito dai residenti.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.