ASCOLI PICENO – Uno strumento che possa avere proficua influenza sullo sviluppo dei ragazzi, promuovendo la loro salute fisica, mentale e sociale. Questo è l’autentico valore dello sport e questo il motto che da anni la Polisportiva Borgo Solestà di Ascoli Piceno cerca di diffondere attraverso la propria attività di preparazione al gioco del calcio.

La Società Sportiva Dilettantistica a Responsabilità Limitata, che proprio la scorsa estate ha visto l’inserimento nel Direttivo di giovani qualificati e dirigenti di notevole esperienza, apre le porte al nuovo anno con grinta e un calendario ricco di tante nuove idee e iniziative. Per il terzo anno consecutivo, infatti, cercherà di confermare la qualifica come Scuola Calcio d’Elite, il più elevato riconoscimento da parte della FIGC per chi lavora con ragazzi dai 5 ai 12 anni. Ciò che da sempre caratterizza il Borgo Solestà è l’idea che, in una società moderna in cui la frenesia del quotidiano e le regole consumistiche spingono verso virtù materiali, ancora ci sono realtà che credono fortemente nelle qualità dei ragazzi e in una loro sana crescita.

Da qui la voglia di ripartire cercando di far comprendere come il mondo sportivo sia vera fonte di caratteristiche positive, sprono ad affrontare e superare le difficoltà, incentivo a confrontarsi con i propri limiti, ma anche con le proprie possibilità. Solo attraverso una visione consapevole di questo mondo si riuscirà ad acquisire autonomia, capacità di collaborazione e spirito di condivisione. Potenzialità queste che possono essere scovate e messe in luce solo attraverso l’impegno e la dedizione degli adulti che accompagno i ragazzi nel meraviglioso viaggio della vita.

Ciò è quello che si ripropone ogni anno di fare la Polisportiva B. S.: non una semplice scuola calcio, ma una realtà capace di tramandare valori, creare persone motivate nel proprio sport, ma in maggior misura uomini capaci di affrontare la paura del domani. “Per tutti i nostri iscritti vogliamo essere un vero punto di riferimento, una seconda famiglia in cui ognuno abbia la possibilità di mostrare ciò che si è realmente” – sottolinea Angelo Procaccini, responsabile delle categorie Pulcini ed Esordienti “Quello che quotidianamente cerchiamo di trasmettere non è il falso mito del campione di calcio, ma principi, che i bambini hanno poi il coraggio di esprimere in ogni ambito della loro vita: dalla scuola alla parrocchia, dal gioco all’amicizia”.

Consapevoli di tale responsabilità e privilegio, alle porte del nuovo anno tutto lo staff è già pronto ad accompagnare in questo lungo viaggio quanti vorranno entrare a far parte della squadra. Tante le proposte che bollono in pentola, in primis un ciclo di incontri di formazione con esperti e specialisti del settore che, attraverso le loro esperienze, cercheranno di approfondire tutti gli aspetti che uno sport come quello del calcio riesce a stimolare, che siano regole tecniche o consigli o suggerimenti per il quotidiano. Notevoli gli impulsi e gli interventi che si ci si prepara ad affrontare, con il supporto costante dei tecnici federali della F.I.G.C., che consentiranno a tutta la società di confrontarsi con delle proposte formative che nessun libro o banco di scuola potrà mai trasmettere.

Le iscrizioni al nuovo anno sono già aperte e per poter aderire basterà recarsi presso il campo sportivo di Monterocco tutti i lunedì, mercoledì e venerdì  dalle ore 15 alle 18.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 155 volte, 1 oggi)