ASCOLI PICENO – “Nella notte alcuni vandali, una banda di ragazzi dell’est capeggiati da un giovane di colore, hanno danneggiato l’area all’interno del Chiostro di San Francesco dove si sta svolgendo la nostra festa. Hanno pesantemente offeso i vigilanti, danneggiato alcune suppellettili e strappato i manifesti. Evidentemente hanno così il terrore del Decreto Sicurezza predisposto da Matteo Salvini che la rabbia li porta anche a questo. Adesso verificheremo, con le forze dell’ordine, le riprese delle diverse telecamere presenti”.

Sono queste le parole di Roberto Maravalli, segretario cittadino della Lega di Ascoli, dopo il raid avvenuto all’una di questa notte in Piazza San Francesco nel Chiostro dove da venerdì si sta svolgendo la festa provinciale della Lega, la seconda a 15 giorni da quella di Fano.

In qualità di Responsabile Provinciale della Lega – ribadisce Andrea Antonini – non posso che ribadire la fermezza e la necessità che questo Paese sia liberato dallo spettro della paura. Ben venga quindi il Decreto Salvini sulla sicurezza che già ieri sul palco il nostro Commissario regionale Sen. Paolo Arrigoni e il Sottosegretario all’Interno, Sen. Stefano Candiani, hanno ben illustrato ed esposto ai cittadini e ai simpatizzanti presenti numerosi nella piazza. Questi giovani spero siano immediatamente individuati e segnalati con l’auspicio di un loro rimpatrio”.

Il nostro Partito – sottolinea il Sen. Paolo Arrigoni –  ha subito negli anni offese da chi ci definisce razzisti perché vogliamo il bene e la sicurezza dei cittadini italiani. Mai è accaduto che nostri militanti o simpatizzanti siano andati a minacciare o creare danno contro chi la pensa diversamente. Quello che è accaduto stanotte è frutto di questa campagna contro Matteo Salvini e  la Lega. Non ci intimidiscono – ha concluso Arrigoni – noi abbiamo l’affetto di tanti militanti, simpatizzanti e semplici cittadini”.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.465 volte, 1 oggi)