ASCOLI PICENO – Un altro dettagliato report della Cna della Provincia di Ascoli sulla situazione dell’economia provinciale. Se il fenomeno Start up (imprese innovative lanciate dai giovani) vede il Piceno ai vertici nazionali, è anche vero che si registra un’alta incidenza di chiusure tra le imprese di recente formazione.

START UP PER IL FUTURO MA CON BASI SOLIDE. Superare lo scoglio del quinto anno di vita. Una impresa su due non ce la fa e chiude i battenti. Nelle Piceno a cessare l’attività dopo appena un lustro è il 51 per cento delle piccole aziende (un punto percentuale in meno rispetto alla media regionale). Un dato che frena lo sviluppo del sistema imprenditoriale regionale. Nel 2004 a non farcela era il 34,9 per cento delle nuove imprese marchigiane e il 35,6 per cento delle imprese del Piceno.

LA CHIAVE DELLA RIPRESA NELL’INNOVAZIONE. Imprese giovani, imprese tecnologiche e ad alto valore di innovazione, informatica, ristorazione, accoglienza e svago. In questi settori, nel primo semestre del 2018, il Piceno “corre” più del resto delle Marche. Dall’analisi che la Cna di Ascoli ha commissionato al Centro studi regionale dell’Associazione, emerge una provincia ancora a due velocità ma con significative direttrici di sviluppo chiaramente indicate dai dati elaborati. Le imprese che operano nel settore dei servizi di informazione e comunicazioni sono infatti cresciute nel Piceno (il dato è di aprile 2018 raffrontato ad aprile 2017) del 2,1 per cento. A livello regionale, invece, la crescita si è fermata allo 0,7 per cento. Stesso trend per le attività scientifiche e tecnologiche: più 1,7 per cento nel Piceno, più 0,9 nelle Marche. Ancora più significativa la differenza per le aziende che operano nel settore della ristorazione e degli alloggi: nel Piceno in un anno sono cresciute dello 0,8 per cento mentre a livello regionale c’è stata una flessione dello 0,2 per cento.

FORMAZIONE PER CONTRASTARE LA DISOCCUPAZIONE CHE NON ALLENTA IL MORSO. La ricetta del Piceno per mettersi alle spalle definitivamente la crisi. Imprese innovative e “alternative”. Artigianato e piccole aziende della nostra provincia “cambiano pelle” per adeguarsi alle nuove esigenze del mercato. E’ uno dei dati più significativi e interessanti che emergono dallo studio che la Cna di Ascoli ha compiuto – con i dati elaborati dal Centro studi della Cna regionale delle Marche – sui più importanti indicatori dell’economia, del lavoro e della produzione nel Piceno in questo 2017. Il saldo delle imprese (fra nuove aperture e cessazione) nel 2017 è stato positivo anche se di poco (più 0,2 per cento).

Come rileva il Centro studi regionale della Cna, un’ampia parte delle nuove imprese risultano dunque “imprese non classificate” nei registri della Camera di Commercio. Proprio l’ampiezza del numero delle imprese ancora non classificate evidenzia un aspetto importante. Ovvero che le nuove imprese che si immettono in attività non sono facilmente riconducibili ai settori tradizionali, manifatturieri o del terziario. E questo perché si avviano a operare secondo modalità innovative e non facilmente collocabili. Talora nascono per operare in ambiti misti, a cavallo tra settori differenti, con attività che possono ricadere in più di un settore dei servizi oppure in attività manifatturiere e di servizio contemporaneamente.

TRASFORMARE LA CREATIVITA’ DEI GIOVANI IN SOLIDITA’ AZIENDALE. Al primo posto fra le province italiane per innovazione aziendale e al secondo posto per le start up innovative. Ma solo al 57mo posto per tasso di occupazione medio e ancora peggio per quanto riguarda il lavoro giovanile. La Cna di Ascoli Piceno analizza le statistiche appena pubblicate dal “Sole 24 Ore” riguardo la vita e il lavoro nelle 110 province italiane e rilancia il progetto dell’Associazione riguardo formazione e innovazione come ricetta per mettersi alle spalle definitivamente un decennio di crisi e recessione. Le potenzialità ci sono ma ci limita ancora un gap. Da una parte grande spinta innovativa e capacità di fare, come testimonia la nostra posizione riguardo le start up. Dall’altra una perdurante difficoltà a rendere concreti e diffusi questi grandi slanci. Vincoli burocratici e un ancora troppo forte scollamento fra il mondo della formazione e quello dell’impresa.

MICRO IMPRESE E GIOVANI IMPRENDITORI: STESSO PROBLEMA, IL CREDITO L’ultimo rapporto della Banca d’Italia che nel Piceno, nel 2017, le imprese medio-grandi hanno ricevuto crediti per un importo pari allo 0,7 per cento in più rispetto all’anno precedente. Piccole e micro imprese, invece, per il sesto anno consecutivo hanno registrato una contrazione delle erogazioni del 4,4 per cento. Ma un segnale ancora più preoccupante, e sul quale è urgente intervenire, è un sondaggio dell’Ebam secondo il quale nel primo semestre del 2018 quasi il 40 per cento delle piccole e medie imprese del Piceno hanno indicato difficoltà a valutare preventivamente le condizioni di accesso al credito della propria impresa e, di conseguenza, a indirizzarsi a linee di finanziamenti più congrue e funzionali alle proprie dinamiche produttive e imprenditoriali.

Problema di accesso al credito ancora più rimarcato per le neoimprese. La Cna di Ascoli ha elaborato i dati di Unioncamere estrapolando il fatto che se nel 2016 per la realizzazione di una nuova impresa l’impegno economico nel Piceno era di circa 15mila euro, nel 2018 questa cifra è scesa a poco più di 13mila euro. Una sottocapitalizzazione che induce sempre più a finanziarsi con mezzi propri piuttosto che percorrere il ripido sentiero del sistema bancario.  Addirittura più del 51 per cento delle piccole neoimprese ha investito per partire meno di 5mila euro. Ma, come evidenziato prima, a fronte di questa pericolosa forma di “risparmio al ribasso”, un progetto imprenditoriale su due è fallito.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 74 volte, 1 oggi)