ASCOLI PICENO – Nell’ambito delle misure previste dal FESR Regione Marche a sostegno delle aree colpite dal sisma va segnalato un interessante intervento che stanzia 6 milioni di euro per consolidare, rafforzare e favorire la crescita dimensionale delle imprese sociali attraverso l’introduzione di innovazioni organizzative e di processo e la digitalizzazione dei servizi offerti al cittadino.

Il fabbisogno di servizi di interesse sociale è fortemente aumentato non potendo esser soddisfatto esclusivamente attraverso l’offerta di servizi erogati dalle strutture pubbliche.

L’area interessata, infatti, presenta per le sue caratteristiche strutturali, acuite dall’evento sismico, una forte fragilità, sia dal punto di vista territoriale (bassa densità abitativa, spopolamento, marginalità delle connessioni dalle reti fisiche ed informatiche) che per quanto riguarda le caratteristiche degli abitanti.

Nella zona del cratere circa un quarto della popolazione è composto da anziani (persone con 65 e più anni), con un indice di dipendenza strutturale pari il 61%. La maggiore parte dei residenti, inoltre, ha difficoltà di accesso ai servizi di cura ed assistenza, criticità aggravata dai molteplici danni causati dal sisma sulle strutture socio-sanitarie.

Il bando dal titolo “Sostegno allo sviluppo e alla valorizzazione delle imprese sociali nelle aree colpite dal terremoto”, finanziato con risorse UE dal Programma Operativo Regionale del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Por Marche Fesr 2014/2020 Asse 8, Os 22, Azione 22.1, Intervento 22.1.1, intende incentivare le attività imprenditoriali in grado di completare ed accompagnare l’azione delle istituzioni pubbliche a favore delle fasce più deboli e disagiate della popolazione in molteplici ambiti, quali l’assistenza domiciliare, in particolare per gli anziani, i servizi per l’infanzia- adolescenza, la conciliazione vita-lavoro, l’invecchiamento attivo, l’inclusione sociale e l’inclusione socio-lavorativa dei soggetti svantaggiati per cooperative sociali di tipo B.

La Fideas di Offida è a disposizione di tutte le imprese marchigiane interessate a partecipare al bando per offrire informazione gratuita, consulenza nonché supporto alla ricerca e selezione di partner imprenditoriali e/o tecnico-scientifici. I recapiti della Fideas sono il numero 0736/880843 oppure l’Email fideas@fideas.it. Maggiori informazioni sul bando e su altre opportunità per le imprese sono reperibili sul sito web: www.fideas.it.

I progetti, della durata massima di 18 mesi, possono beneficiare di un contributo a fondo perduto variabile dal 10% al 50% in regime di esenzione (Reg. 651) o del 70% in regime de minimis (Reg. 1407), la scadenza del bando è per il 30 ottobre 2018.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 56 volte, 1 oggi)