ANCONA – A seguito di un ulteriore ricorso presentato dal WWF e dalla LAC, il Consiglio di stato ha emanato la sentenza 5165 del 22 ottobre con la quale ha sospeso, con effetto immediato, la caccia di tutte le specie cacciabili nei Siti Natura 2000 (SIC – Siti di Importanza Comunitaria, ZPS – Zone di Protezione Speciale, ZSC – Zone Speciali di Conservazione).

Questi territori e i loro limiti non sono segnalati da specifiche tabelle, sarà opportuno e necessario, pertanto, che il cacciatore assuma informazioni presso le Polizie Provinciali, le proprie Associazioni, gli Ambiti territoriali di caccia, poiché chiunque si trovi in queste zone in atteggiamento di caccia, può essere perseguito penalmente.

“Appare strano – commenta l’assessore alla Caccia, Moreno Pieroni – che il Consiglio di Stato non abbia tenuto conto della L.r. n.7/95 che con grande chiarezza evidenzia la validità e l’efficacia della pianificazione faunistico-venatoria esistente. L’attività venatoria in ogni caso proseguirà regolarmente in tutti gli altri territori, secondo il calendario previsto”.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 212 volte, 2 oggi)