ASCOLI PICENO – Impatti, rischi e uso sostenibile dei prodotti fitosanitari utilizzati per proteggere le colture dagli organismi nocivi. Sono gli argomenti al centro dell’incontro tecnico, promosso dall’Assam (Agenzia per i servizi agricoli), che si è svolto presso il dipartimento di Scienze agrarie della Politecnica delle Marche. La grande partecipazione, anticipata dalla preventiva iscrizione all’evento, ha richiesto l’individuazione di una nuova sala per ospitare gli intervenuti.

“Sono questioni di tecnica agronomica, ma di grande impatto sulla qualità paesaggistica e ambientale dei territori coinvolti – commenta la vicepresidente Anna Casini, assessore all’Agricoltura – La cura dell’ambiente rurale coinvolge aspetti naturalistici e attività agricole: un quadro ricco di scenari che contribuisce all’immagine turistica regionale e alle produzioni agroalimentari apprezzate dal mercato. La massiccia adesione all’incontro, da parte dei tecnici, dei cittadini e degli enti locali, ha evidenziato l’attenzione trasversale su questi temi, insieme all’esigenza di mantenere elevata la vigilanza per prevenire inquinamenti, danni ambientali e tutelare la salute dei consumatori. Sono temi affrontati dalla Regione attraverso le politiche agricole in atto che incentivano un elevato livello di sostenibilità nell’utilizzo dei prodotti fitosanitari nelle aziende agricole marchigiane”.

L’incontro ha rappresentato un momento di approfondimento delle conoscenze sul corretto impiego dei prodotti fitosanitari, sulle azioni del Pan (Piano nazionale sull’uso sostenibile dei fitofarmaci), sul ruolo delle istituzioni. Si è parlato dei rischi nella manipolazione dei formulati, di prevenzione, dei controlli sanitari e ambientali, dei pericoli di contaminazione delle derrate alimentari, di sicurezza per i lavoratori e per i consumatori. Un focus è stato dedicato alla lotta integrata (difesa con utilizzo di fitofarmaci non tossici e insetti predatori) a salvaguardia delle api: la loro presenza è un indicatore biologico del livello di inquinamento ambientale.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 53 volte)