ASCOLI PICENO- La mostra “Con il fuoco e con la Terra, l’Arte della maiolica ad Ascoli Piceno dal XV secolo a oggi“, a cura di Giuseppe Matricardi e Stefano Papetti celebrerà la produzione di ceramica ascolana da fine Trecento ai giorni nostri, con un’ampia sezione dedicata ai ceramisti attualmente attivi sul territorio.

L‘esposizione sarà aperta al pubblico dal 13 aprile al 3 novembre al Museo dell’Arte Ceramica.

L’iniziativa è’ promossa dal Comune di Ascoli Piceno, insieme a Regione Marche, Anci Marche, Fondazione Cassa di risparmio di Ascoli e Accademia dei Maiolicari di Ascoli, con il patrocinio di Mibac, dell’Associazione italiana città della ceramica e dell’Università di Camerino.

Dalla fine del XIV secolo, Ascoli vantava numerose fabbriche di maiolicai specializzati nella decorazione della ceramica su smalto e la tradizione ha resistito al terremoto. Tra i soggetti scelti dagli artigiani la tipica ‘rosetta’, i paesaggi rurali, le torri merlate e richiami a dipinti dei pittori attivi in città dal Quattrocento, come Carlo Crivelli.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.