ASCOLI PICENO – Dopo i tentennamenti degli ultimi giorni il centrodestra ascolano, composto da Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia ed una serie di liste civiche, presenta il suo candidato sindaco: Marco Fioravanti, attuale presidente del consiglio comunale del capoluogo piceno. Decisivo pare essere stato l’intervento di Silvio Berlusconi che ha confermato la linea del partito ed ha invitato i suoi a sostenere il candidato di Fratelli d’Italia senza remore. Si nota ovviamente l’assenza di Piero Celani e dei suoi fedelissimi, tanto che in rappresentanza degli azzurri deve intervenire un assessore sambenedettese, Filippo Olivieri.

“Inizia una fase nuova per il centrodestra ad Ascoli – le parole di Marco Fioravanti – attraversiamo il periodo post terremoto con tante cose da fare. Mi metto al servizio per fare, con un squadra forte e per dare una prospettiva alla città, dobbiamo tradurre le esigenze delle persone in proposta politica. Avremo una relazione costante con la città e liste civiche, il centrodestra è unito. Ringrazio Andrea Antonini, per l’atteggiamento che ha avuto, e tutto il movimento della Lega. Cercheremo di assumere un atteggiamento umile e costruttivo per Ascoli, vogliamo ascoltare tutti, soprattutto gli ultimi e chi è più in difficoltà; ognuno darà il suo contributo, sia come partiti sia come persone. Vogliamo volare alto senza però illudere gli ascolani vendendo sogni; ripartiamo dai progetti che sono in cantiere e che ci prendiamo l’impegno di portare avanti e realizzarli. Il sisma è stato un freno psicologico e sociale ma anche lavorativo, ripartiamo dal fare scuole sicure, sarà il nostro primo impegno”.

“Vogliamo il rilancio del centro storico – continua Fioravanti – incentiviamo nuove aperture in centro senza dimenticare chi ha lottato per rimanere aperto in questi anni. Sul lavoro pensiamo a due tipi di interventi: attrarre insediamenti esterni e sostenere chi già investe, e produrre lavoro grazie alla ricostruzione, vogliamo che sia portata avanti da lavoratori del territorio derogando le leggi europee. Spero si aggiungano altri simboli al nostro schieramento con le loro idee ed il loro contributo, siamo stati uniti da una battaglia: bloccare l’idea di Ceriscioli di fare l’Ospedale Unico privando Ascoli del suo nosocomio, vogliamo un miglioramento delle infrastrutture e investimenti sui macchinari e sulle persone, vogliamo l’azienda ospedaliera Marche Sud. Non è una battaglia di parte ma è una battaglia degli ascolani, senza il Mazzoni Ascoli non può guardare al futuro”.

“La Lega rispetta il patto fatto a livello nazionale con le altre due forze nazionali, Fratelli d’Italia e Forza Italia – afferma Andrea Antonini – avremmo preferito guidare la coalizione, anche per il grande entusiasmo che suscita Salvini a livello nazionale, avevamo altre attese, che reputo legittime. Abbiamo avuto un confronto a livello locale e nazionale per capire quale spazio di manovra ci fosse; in maniera serena e leale abbiamo accettato e concordato di rispettare il patto ed appoggiare Marco Fioravanti per il bene del centrodestra, in una scelta che parte da vent’anni fa, con il sindaco Celani ed il sindaco Castelli, che hanno reso Ascoli una città vivibile nonostante le difficoltà. Le esigenze sono cambiate, serve qualcosa di diverso rispetto a dieci e vent’anni anni fa; Marco ha il vantaggio di essere una persona giovane, sa interpretare le esigenze per portare Ascoli ad un livello successivo. Avremmo voluto usare anche noi strumenti simili, ma adesso non è importante chi lo farà ma conta solo l’obiettivo finale: portare Ascoli sempre più in alto. Siamo certi che con Marco riusciremo a continuare questa bellissima esperienza. Non farò l’assessore e quasi certamente non mi candiderò neanche in consiglio comunale, abbiamo una bellissima squadra che farà esperienza”.

“Mi sento a casa, la presenza del sindaco e degli assessori mostra la continuità che si vuole dare ad Ascoli Piceno – afferma il forzista Filippo Olivieri – Forza Italia ha scelto di sostenere Marco Fioravanti anche se rivendicavamo un nostro candidato ma per il bene della città sosteniamo Marco, che ha voluto Silvio Berlusconi in persona. Ascoli è una città importante, se riesce a ripartire con l’economia porterebbe l’indotto su tutto il territorio. Marco rispecchia i valori che il centrodestra ha sempre sostenuto, tutto deve partire da Ascoli Piceno”

“Ringrazio i rappresentanti di Lega e Forza Italia per la loro presenza e la loro adesione al progetto – il pensiero di Carlo Ciccioli, portavoce regionale di Fratelli d’Italia – progetto che funziona se tutti e tre i partiti ci sono. Le liste civiche saranno fondamentali, Ascoli è una città complicata, ci sono tanti caratteri e tante personalità. Siamo partiti da un tavolo locale che però non ha portato ad una decisione; avevamo chiesto le primarie, uno strumento per risolvere il problema interpellando i cittadini, non sono state accettate e secondo me è stato un errore. Siamo così arrivati al tavolo nazionale in cui sono stati fatti dei bilanciamenti ed è stato scelto Marco; capisco l’amarezza di chi voleva fare il candidato, tutte le posizioni hanno del criterio ma siamo arrivati a questa scelta che è definitiva, adesso c’è una nuova partita più importante, confrontarsi con gli altri candidati, si vince il 26 maggio, spero al primo turno altrimenti al ballottaggio. Faccio un appello a Piero Celani: ha legittime rimostranze ma ci sono altre gare ed altre opportunità, è una risorsa e spero si metta a disposizione per Marco, adesso dobbiamo dare continuità al centrodestra ascolano, ci sono tutti i presupposti per fare un grande risultato”.

“Dobbiamo riportare Ascoli nella continuità nel segno dei 10 anni di Castelli – la chiusura del consigliere provinciale Luigi Capriotti – Marco l’ho visto crescere, per me è una grande felicità sostituire Guido con Marco; abbiamo la possibilità di riprenderci la regione partendo da Ascoli, che merita altro, tenerla abbandonata è un peccato. Spero che la vittoria di Marco sia la vittoria di Ascoli e di tutto il centrodestra”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.