ASCOLI PICENO – Un sistema di allarmi anti rapine più immediato e tecnologico all’interno di esercizi commerciali particolarmente esposti come farmacie, tabaccherie, orafi, benzinai.
È l’esito desiderato del Protocollo sottoscritto di recente presso la Prefettura di Ascoli da Confcommercio, Imprese per l’Italia e FederFarma.
Si tratta di un accordo in materia di Sicurezza e Videosorveglianza per implementare il livello di tutela degli operatori economici, soprattutto delle attività con maggiori rischi mediante l’impiego di più moderni strumenti tecnologici. Il protocollo trae origine da analoghi accordi stipulati dal Ministero dell’Interno con i rappresentanti nazionali di Confcommercio e Federfarma e rinnova in pratica quello già definito nel 2003, (denominato Securshop), prevedendo l’attivazione presso gli esercizi aderenti a Confcommercio e nelle farmacie Federfarma di un sistema di allarme antirapina, mediante il controllo con telecamere dei locali interessati, collegate con la Centrale Operativa della Questura.
Per concretizzare l’iniziativa, che è stata definita “importante”, Confcommercio e Federfarma hanno ritenuto utile darne, come primo atto, la più ampia informazione alle imprese associate attraverso una Tavola Rotonda dal titolo “Più sicurezza per le imprese con la videosorveglianza” che avrà luogo il prossimo 29 Marzo, con inizio alle ore 15:00 presso la Sala Gialla della Camera di Commercio.
L’incontro, introdotto e coordinato dal direttore Confcommercio Giorgio Fiori sarà caratterizzato dagli interventi di saluto del presidente Igino Cacciatori, del presidente Federfarma Pasquale D’Avella e quindi del Prefetto Pasquale Minunni.
Seguiranno le relazioni tecniche del Vice Questore Vicario Enrico De Simone, di Fabio D’Angelo Amministratore dell’agenzia di sicurezza privata Fifa Security e quindi della dirigente della Direzione Provinciale del Lavoro, Giuseppina Natali.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 363 volte, 1 oggi)