MONSAMPOLO DEL TRONTO – Il gup di Ascoli Maria Teresa Gregori ha rinviato a giudizio l’ex comandante della stazione Carabinieri di Monsampolo del Tronto e l’ex vice comandante. Notizia ripresa dall’Ansa che l’ha diramata con una nota.

Sono accusati di aver chiesto in più occasioni denaro e regalie a dei commercianti per chiudere un occhio su controlli di carattere amministrativo. Rispondono a vario titolo di concussione, falso ideologico in atti d’ufficio, rivelazione e utilizzazione di segreti d’ufficio, omissione d’atti d’ufficio. Il fermo dei due era avvenuto nel maggio 2015.

In concorso con un uomo di Castel di Lama, l’ex vice comandante deve rispondere anche di danneggiamento fraudolento di beni assicurati e mutilazione della propria persona, per la simulazione di un incidente stradale.

L’uomo in concorso con l’ex vice comandante è stato inoltre rinviato a giudizio per furto aggravato, simulazione di reato e tentato favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, in concorso con un cinese, a giudizio pure lui come un suo connazionale (favoreggiamento personale). Il processo per tutti inizierà l’8 febbraio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.003 volte, 1 oggi)