PESCARA DEL TRONTO – Con un intervento congiunto dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno, di squadra speleo-alpino-fluviale e dell’elicottero Drago 54 del Nucleo Vvf di Pescara, oggi sono state recuperare le campane della Chiesa di Santa Croce a Pescara del Tronto, la frazione di Arquata rasa al suolo dal sisma del 24 agosto scorso.

Con la scossa delle 3:36 di quel mattino la chiesa era letteralmente implosa: le campane erano rimaste sepolte sotto le macerie, insieme ad un crocifisso ligneo del quindicesimo secolo e ad una croce astile del 1200. Crocifisso e croce sono stati portati in salvo dai pompieri nei giorni immediatamente successivi al sisma.

Per le campane invece l’intervento è stato molto più lungo e laborioso. Sono intervenuti i Gos, i Gruppi operativi speciali, che le hanno riportate in superficie e liberate dalla struttura in ferro su cui era stato fissato l’orologio sulla torre campanaria. Una volta imbragate, sono state trasferite sull’elicottero e portate in una zona sicura.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 72 volte, 1 oggi)