MONTEMONACO – Proseguono senza sosta, pur con le avverse condizioni atmosferiche, gli interventi dei Vigili del Fuoco per la salvaguardia del patrimonio storico e artistico nelle province di Ascoli e Fermo.

Il giorno dell’Epifania sono state ultimate le operazioni di consolidamento della chiesa di San Lorenzo in Vallegrascia, nel comune di Montemonaco, seriamente compromessa dopo le scosse del 26 e 30 ottobre.

Dopo il puntellamento della torre campanaria, la sbadacchiatura delle monofore in essa contenute e la messa in sicurezza dell’edificio sacro di origini medievali (XII secolo), i Vigili del Fuoco hanno iniziato la delicata opera di estrazione di due importanti lastre scolpite custodite all’interno, incise, secondo alcuni studi, intorno all’anno mille. La loro funzione sarebbe stata quella di plutei, ossia di lastre di separazione tra la zona del presbiterio e quella della navata.

Il complesso e simbolico messaggio figurativo scolpito inizia con la creazione di Adamo e Eva e culmina con la raffigurazione della Crocifissione di cui una delle lastre propone una particolare immagine.

Il Cristo è crocifisso con braccia e gambe divaricate. Si vede in alto a destra la raffigurazione la Madonna incinta e più in basso San Giuseppe in adorazione di Gesù Bambino nella culla.

Le due preziose lastre saranno portate al museo di arte sacra della rete dei Musei Sistini del Piceno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 488 volte, 1 oggi)