ANCONA – Una manifestazione per protestare sulla gestione del post-terremoto. Si terrà mercoledì 22 febbraio alle ore 10 un presidio delle popolazioni terremotate presso il piazzale antistante Palazzo Raffaello, sede della Regione Marche, ad Ancona.

La manifestazione è stata lanciata dalla rete “Terre In Moto”, una rete nata a seguito dei recenti eventi sismici che hanno colpito gravemente anche la nostra regione. Un percorso collettivo fatto di realtà sociali e associative, comitati spontanei e semplici cittadini uniti nella battaglia a difesa dei territori devastati dal terremoto, per contrastare la strategia dell’abbandono e rivendicare una ricostruzione rapida e degna.

La mobilitazione di mercoledì 22 febbraio segue un ciclo di incontri e assemblee pubbliche svoltesi nelle zone interne al cratere che hanno evidenziato l’assenza e l’immobilismo delle istituzioni regionali nell’emergenza sisma. I manifestanti raggiungeranno il capoluogo dalle aree colpite “per denunciare le responsabilità della Regione Marche nella gestione delle problematiche legate al sisma; per chiedere interventi immediati e una burocrazia non distruttiva; per la dignità dei territori e a sostegno delle persone colpite dal sisma”.

In relazione alle ragioni della protesta alleghiamo al comunicato un documento che illustra le prime istanze che necessitano, con urgenza, risposte concrete e non più rinviabili.

Per informazioni e contatti:
tel 3283835482 – 3286505665 / email: terreinmotomarche@gmail.com
http://www.terreinmotomarche.blogspot.it
Fb: ‘Terre In Moto Marche’

(Letto 245 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 245 volte, 1 oggi)