ASCOLI PICENO – Il parlamento, proprio in questi giorni, sta esaminando il testo del decreto sulla sicurezza urbana.

“Un tema forte e molto importante- sottolinea il sindaco di Ascoli Piceno Guido Castelli-. Parliamo della sicurezza dei luoghi dove viviamo abitualmente. Attenti però a scaricare sui sindaci, come purtroppo spesso accade, la responsabilità di fare cose senza disporre degli strumenti idonei. E’ inutile che io faccia ordinanze per vietare determinati comportamenti se poi non mi si consente di avere a dispozione un numero adeguato di vigili urbani, formati e giustamente retribuiti, per affrontare situazioni che non sono sempre semplici”.

E’ questo il monito del primo cittadino proprio nella sede ascolana della polizia municipale: “E’ tutt’altro che facile stare in strada- continua Castelli- a fronteggiare malintenzionati, venditori abusivi e persone rabbiose e ubriache. Siamo qui soprattutto per cercare di aggiornare e formare i nostri operatori della polizia municipale. Li ringrazio per il lavoro che fanno e per le incombenze che dovranno affrontare qualora il decreto sulla sicurezza urbana andasse avanti”.

Il sindaco ascolano intende dare ampio respiro alla questione della sicurezza nelle città: “Caro legislatore nazionale- prosegue Castelli-, ricordati che non basta dare le competenze, occorrono anche le risorse per poter sostenere le azioni di prevenzione. Sennò sono solamente chiacchiere e parole, noi abbiamo bisogno di fatti, ovvero consentire ai vigili di avere gli strumenti per portare avanti il proprio lavoro in modo che ad Ascoli si possa vivere, come già accade, in maniera sicura e legale”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 117 volte, 1 oggi)