ASCOLI PICENO – In vista del posticipo con l’Hellas Verona, in programma lunedì 13 marzo alle 20:30 al “Bentegodi”, la preparazione della squadra riprenderà domani alle 15:00 all’Ecoservices. Da valutare le condizioni di Bianchi, affaticamento muscolare e Carpani, che ha riportato un trauma alla gamba destra,sottoposto ad accertamenti all’Ospedale di Ascoli.Anche il Verona, riprenderà gli allenamenti domani. La squadra, di mister Pecchia, si ritroverà allo Sporting Center ‘Il Paradiso’ di Peschiera per la seduta pomeridiana.

Ascoli -Verona è anche la sfida dei due bomber, Daniele Cacia e Giampaolo Pazzini. Il centravanti bianconero classe  1983, ex dell’Hellas, ha giocato con gli scaligeri dal 2012 al 2014. Il 22 aprile 2013, con la doppietta col Brescia, stabilisce il record assoluto di gol segnati in una singola stagione con la maglia dell’Hellas Verona. Chiude la stagione con 24 reti in 39 partite ottenendo la promozione in Serie A, diventando capocannoniere della B. Nella stagione successiva in serie A, solo 13 presenze e nessun gol  per Cacia, chiuso in attacco dall’arrivo di Luca Toni, si trasferirà poi al termine della stagione al Bologna. Nella città emiliana dove conquista nuovamente la serie A con 11 reti in 38 presenze, non sarà riconfermato. E così l’11 settembre 2015 viene ceduto a titolo definitivo all’Ascoli, con cui firma un contratto biennale. Chiude la sua prima stagione ad Ascoli con 17 reti in 34 partite,  al secondo posto al pari di Caputo nella classifica cannonieri dietro a Lapadula e viene nominato miglior attaccante dell’anno della Serie B agli Italian Sport Awards

Proprio Toni,che ha chiuso Cacia al Verona, ora dirigente dell’Hellas ha lasciato posto a Giampalo Pazzini, arrivato la scorsa stagione a Verona 30 presenze  e sei gol per lui ma ora attuale capocannoniere della serie cadetta con 19 reti in 24 presenze. L’attaccante capitano dell’Hellas, passato da squadre come Fiorentina, Sampdoria, Inter e Milan,e la Nazionale italiana, dopo aver chiuso la sua ultima stagione nel Milan con 28 presenze e 5 reti totali (Milan ha collezionato 86 presenze e 24 gol in tre anni)  ha scelto Verona e  la B dopo la retrocessione nonostante a 33 anni, uno in meno di Cacia, potesse tranquillamente giocare nella massima serie.

E così al “Bentegodi” i due bomber si sfideranno, ognuno con un obiettivo diverso, Cacia in campo per salvare il Picchio e a caccia del record stabilito da Swoch come marcatore all time della serie B (135 gol), mancano solo 7 reti. Mentre Pazzini vuole riportare il Verona in serie A e chiudere da capocannoniere della B in questa stagione.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 120 volte, 1 oggi)