ACQUASANTA TERME – Un solo muro pericolante che non è stato messo in sicurezza sta tenendo in scacco un’azienda, costringendo tre famiglie a vivere in un albergo della costa a spese della collettività.

A quanto riportato da una nota dell’Ansa, accade ad Acquasanta Terme uno dei centri più colpiti dal terremoto.

Dopo il 18 gennaio, quando alle scosse si sono aggiunti i danni della neve, è stato reso inagibile lo stabilimento della Riti a Santa Maria di Acquasanta.

Un’azienda che trasforma e commercializza i prodotti tipici dei Sibillini.

“Dopo il 18 gennaio ho inviato la scheda, ma a parte alcuni sopralluoghi quel muro è ancora lì, pericolante – le parole del titolare Francesco Riti diramate dall’Ansa – Le nostre abitazioni sono integre, la loro inagibilità è solo indotta: sta a posto anche una metà del capannone. Se qualcuno venisse a mettere in sicurezza il muro in questione potremmo riprendere la produzione nell’altra metà del capannone e, soprattutto, 3 famiglie, 7 persone, potrebbero tornare finalmente a casa”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 127 volte, 1 oggi)