ASCOLI PICENO – Ricostruzione, approvato anche l’emendamento sulle delocalizzazioni. Un altro tassello importante nel testo del Disegno di Legge post terremoto anche grazie all’impegno della Cna. Le delocalizzazioni temporanee delle attività economiche o produttive divengono possibili anche in territorio provinciale o regionale, a condizione che non sia possibile all’interno dello stesso comune oppure che in esso sia eccessivamente onerosa. Per l’attivazione della procedura è sufficiente soltanto un accordo fra i due sindaci interessati al trasferimento.
La Commissione parlamentare ha dato l’ok anche a questo emendamento nel pomeriggio. “Dopo l’indennizzo dei danni indiretti – è il commento a caldo del direttore della Cna di Ascoli, Francesco Balloni – un altro importante tassello che, come Cna, abbiamo voluto con determinazione in quanto lo ritenevamo fondamentale per la ripartenza di tutte le attività produttive impossibilitate a operare nella loro sede naturale. Sono giorni cruciali. Prima del passaggio definitivo in aula continueremo a vigilare per le altre due questioni ancora da definire, ovvero gli indennizzi una tantum a tutte le imprese, e anche ai soci delle srl artigiane e commerciali, e la zona franca. Sempre per l’indennizzo una tantum di 5 mila Euro, infine, continuiamo a sollecitare lo sblocco immediato delle procedure di risarcimento visto che parliamo di danni accumulati nel 2016 e ora siamo alle soglie dell’estate 2017″.
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 223 volte, 1 oggi)